Mercoledì, 19 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Cambiamento climatico, il rapporto Onu: "Conseguenze irreversibili, 2050 soglia critica"

A tre mesi dalla conferenza sul clima di Glasgow, l'Onu pubblica un bilancio drammatico. "Cambiamenti senza precedenti causati dall'uomo"

09 Agosto 2021

Cambiamento climatico, il rapporto Onu: "Conseguenze irreversibili, 2050 soglia critica"

Fonte: lapresse.it

È uscito oggi, lunedì 9 agosto, il rapporto Onu sul cambiamento climatico. Per gli scienziati dobbiamo già parlare di adattamento a quelle che sono, oramai, "conseguenze irreversibili" dell'innalzamento delle temperature. Il 2050 diventa la soglia critica nello scenario più ottimista, mentre il peggiore riserverà catastrofi ambientali continue.

La valutazione ha infatti determinato che alcuni cambiamenti che si stanno già verificando, come il riscaldamento degli oceani e l'innalzamento del livello del mare, sono "irreversibili per secoli o millenni". Il rapporto è la valutazione più completa dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) delle Nazioni Unite dal 2013 e dimostra in via definitiva l'impatto delle azioni umane sui cambiamenti climatici, affermando che è "inequivocabile che l'influenza umana ha riscaldato l'atmosfera, l'oceano e la terra".

Cambiamento climatico, il rapporto Onu: "Conseguenze irreversibili, 2050 soglia critica"

Il rapporto ha anche scoperto che il cambiamento climatico si sta intensificando a un ritmo accelerato e sta già interessando ogni regione del pianeta. "È chiaro da decenni che il clima della Terra sta cambiando e il ruolo dell'influenza umana sul sistema climatico è indiscusso", ha dichiarato in una nota Valérie Masson-Delmotte, co-presidente del Gruppo di lavoro I dell'Ipcc. 
 
L'Ipcc, istituito alla fine degli anni '80, è composto da migliaia di scienziati in 195 governi membri Onu che studiano le più recenti ricerche pubblicate e sottoposte a revisione paritaria sul riscaldamento globale e compilano i risultati in un rapporto sullo stato attuale del clima. La valutazione, che include uno sguardo ai rischi e agli impatti futuri del cambiamento climatico, rappresenta in genere il consenso all'interno della comunità scientifica. Più di 230 autori hanno contribuito all'ultimo rapporto, pubblicato oggi.

Cambiamento climatico, il rapporto Onu: "Innegabile la causa umana"

La valutazione arriva meno di tre mesi prima che i leader mondiali si riuniscano dal 31 ottobre al 12 novembre a Glasgow, in Scozia, per la Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021. Ci si aspetta che i paesi fissino obiettivi ambiziosi per ridurre le emissioni entro il 2030 e i risultati dell'Ipcc avranno probabilmente un posto di rilievo nelle discussioni.

Il rapporto afferma che le emissioni di gas serra delle attività umane hanno causato il riscaldamento globale a un ritmo mai visto negli ultimi 2000 anni. Si stima che il cambiamento climatico causato dall'uomo sia responsabile di circa 1,1 gradi Celsius di riscaldamento dal 1850-1900, il primo periodo con misurazioni affidabili delle temperature superficiali globali. Inoltre, il rapporto ha rilevato che le temperature globali dovrebbero superare i 2°C di riscaldamento in questo secolo "a meno che non si verifichino profonde riduzioni di anidride carbonica e altre emissioni di gas serra nei prossimi decenni".

"Questo rapporto è un'immagine chiara della realtà", ha detto Masson-Delmotte nella dichiarazione. "Ora abbiamo un quadro molto più preciso del clima passato, presente e futuro, essenziale per capire dove siamo diretti, cosa si può fare e come possiamo prepararci". Gli scienziati del clima hanno avvertito che l'aumento delle temperature medie globali dovrebbe essere limitato a meno di 2°C per evitare gli effetti più devastanti del riscaldamento globale. Il parametro di riferimento a 2 gradi è stato fissato dai negoziatori sul clima a Copenaghen nel 2009, ma gli studi hanno rilevato sempre più che l'obiettivo potrebbe essere già fuori portata.

Cambiamento climatico, fenomeni estremi sempre più frequenti nel futuro

La nuova valutazione dell'Ipcc va oltre qualsiasi precedente rapporto del gruppo nel collegare il cambiamento climatico causato dall'uomo con l'aumento degli eventi meteorologici estremi in tutto il mondo. "È praticamente certo che gli estremi di caldo (comprese le ondate di calore) sono diventati più frequenti e più intensi nella maggior parte delle regioni terrestri dagli anni '50, mentre gli estremi di freddo (comprese le ondate di freddo) sono diventati meno frequenti e meno gravi", hanno scritto gli autori, aggiungendo che il riscaldamento globale causato dall'uomo è il "motore principale" di tali cambiamenti. Il rapporto spiega anche come l'aumento delle temperature oceaniche e superficiali causerà una miriade di cambiamenti fisici nel clima, tra cui siccità, ondate di calore, forti piogge e inondazioni costiere, in diverse regioni del pianeta.

La valutazione fa parte dell'ultima sintesi dell'Ipcc sui cambiamenti climatici, denominata Sixth Assessment Report (o AR6), che sarà pubblicata il prossimo anno. Il rapporto completo si compone di quattro sezioni: il gruppo di lavoro I rapporto sulla scienza del cambiamento climatico; il rapporto del Gruppo di lavoro II sulle vulnerabilità e gli impatti socioeconomici; il rapporto del Gruppo di lavoro III sui possibili modi per mitigare il cambiamento climatico; e il Rapporto di sintesi, che esamina i risultati di tutti i gruppi di lavoro e integra le informazioni rilevanti per i responsabili delle politiche.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x