Mercoledì, 28 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Spettacolo Drag Queen per coinvolgere i giovani? Piacenza dice no: "È diseducativo"

Lo show previsto per il 16 luglio nel centro di aggregazione giovanile di Piacenza avrebbe dovuto ricordare le discriminazioni del '69

15 Luglio 2021

Drag queen

Ru Paul Drag Show, fonte: Instagram

Il Comune di Piacenza ha annullato lo spettacolo di drag queen organizzato per la serata del 16 luglio dal centro di aggregazione giovanile della città. Indignato il circolo Arci gay che aveva sostenuto lo show come un momento educativo anti omofobia per i più piccoli in città. A porre l'alt all'evento è l'assessore alle politiche giovanili della Lega, che ha ritenuto l'evento non in linea con la missione educativa del centro giovanile comunale.

Spettacolo Drag Queen a Piacenza annullato, l'assessore Lega: "è diseducativo"

Niente trucco e piume di pavone per Piacenza, non è così che si educano i giovani. A ribadirlo è l'assessore alle politiche giovanili di Piacenza Luca Zandonella (Lega). Dopo l'intervento di Zandonella l'amministrazione comunale di Piacenza ha posto il veto allo spettacolo drag che doveva svolgersi nella struttura Spazio 4. L'evento, gestito dalla cooperativa L'Arco si proponeva di "fare conoscere il mondo delle Lgbt con ironia e autoironia" ai giovani piacentini. Ma dalla Lega la risposta è chiara: uno spettacolo drag queen non è il modo per insegnare la tolleranza ai giovani.

Proprio nei giorni in cui in Aula al Senato si sta discutendo la proposta di legge contro l'omotransfobia, il Ddl Zan, è polemica nel piacentino per la decisione considerata estrema e inappropriata. L'Arcigay di Piacenza nella figura di Davide Bastoni e Alessandro Fornasari ha dichiarato: "Faremo comunque la serata rinunciando allo spettacolo delle drag queen. Gli artisti saranno dunque presenti per prendere parte all'iniziativa".

Spettacolo Drag Queen, l'accusa di censura

Il veto da parte dell'assessore è stato considerato illegittimo e l'Arcigay comunica che "L’incredulità e il rammarico sono davvero forti per questa ingiustificata censura da parte della Giunta comunale verso uno spettacolo che era parte della serata di beneficenza organizzata dalle nostre associazioni per ricordare l’inizio della lotta contro le discriminazioni, cioè i moti di Stonewall a New York nel 1969. Un’esibizione ironica quanto popolare, che ha già raggiunto più di 180 prenotazioni da parte di tante persone, di diversa età, sesso, estrazione culturale, etero e omosessuali, indifferentemente".

Se la serata era considerata un momento di ritrovo per grandi e piccoli con l'intento di coinvolgere i più giovani, la decisione dell'esponente locale della Lega comunica che sull'educazione dei ragazzi non servono fronzoli. Lo spettacolo si farà, ma senza la sfilata drag queen. A questo proposito, gli organizzatori dell'evento hanno concluso dicendo che: "non è questa la Piacenza che vogliamo. Quella che sogniamo è una città aperta, inclusiva e ricca di colori".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x