Venerdì, 21 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Francesco Morini è morto: addio all'insuperabile difensore della Juventus

“Morgan” Morini, il pirata della Juve a cui non segnava nemmeno Riva

31 Agosto 2021

Francesco Morini è morto: addio all'insuperabile difensore della Juventus

fonte: wikipedia

É morto Francesco Morini, storico difensore e dirigente della Juventus. Era stato soprannominato Morgan come il pirata, con Gaetano Scirea formò una coppia insuperabile negli Anni 70. Tutto il mondo del calcio piange la scomparsa di una grande campione (qui i momenti più belli): aveva 77 anni. Cominciò la sua carriera con la maglia della Sampdoria, dove giocò fra il 1963 e il 1969, vincendo anche un campionato di Serie B. Poi l’arrivo nella squadra torinese e i grandi successi: con la Juventus vinse in tutto 5 scudetti, una Coppa Italia e una Coppa Uefa. Poteva contare anche 11 presenze in Nazionale. Dopo un breve trasferimento in Canada nel 1980 per una stagione al Toronto Blizzard tornò alla Juventus. Qui completo la sua carriera come prima direttore sportivo e poi di team manager. 

Francesco Morini è morto: addio all'insuperabile difensore della Juventus

Venne soprannominato Morgan per via della sua abilità "piratesca" nel rubare palla agli avversari, proprio come un pirata, seppur ricorrendo raramente al fallo, "anche se non cattivo, sono sempre stato molto spigoloso, rognoso ed appiccicoso", ricorderà lo stesso Morini. La stampa dell'epoca scrisse che "da pirata era il suo modo di depredare l'avversario del pallone roteandogli addosso i bulloni, di arrangiarsi coi gomiti, e pazienza se non fluidificava molto". Ammise lui stesso di non molto dotato tecnicamente, "sapevo di avere dei limiti, non mi cimentavo in lanci millimetrici, preferivo appoggiare la palla ad un compagno vicino a me", ma sicuramente compensava eccellendo nell'anticipo, aiutato da una fisionomia asciutta e dalle sue lunghe leve, "una piovra che con mille tentacoli toglieva il pallone al diretto rivale", nonché da una certa ferocia agonistica cui si aggiunse, con l'andare degli anni, anche molto mestiere.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x