Martedì, 25 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Foibe, Montanari: "Nessuno le ha mai negate, contestiamo il loro uso strumentale"

Lo storico dell'arte: "Destra cerca di equipararle alla Shoah, è falsificazione"

27 Agosto 2021

Foibe, Montanari: "Nessuno le ha mai negate, contestiamo il loro uso strumentale"

Fonte: lapresse.it

"La destra italiana sta equivocando, ci sta marciando, sta inventando tutto", ha detto lo storico dell'arte, accademico e rettore dell'Università per Stranieri di Siena, Tomaso Montanari in merito alle Foibe. "Per fortuna c'è un testo pubblicato. Nessuno nega le foibe, ma è l'uso strumentale, politico che la destra neofascista fa delle foibe che contesto". L'esperto è stato intervistato dall'Adnkronos.

Foibe, Montanari: "Nessuno le ha mai negate"

"La destra sta ingigantendo le foibe da un punto di vista storico, numerico e soprattutto cerca di equipararle alla Shoah, dopo aver ottenuto una Giornata del Ricordo messa in calendario. La falsificazione storica è aver creato quella giornata in contrapposizione alla Giornata della Shoah. Questa è la falsificazione, l'equiparazione dei due tragici eventi", continua Montanari. "Pagina tragica le foibe, purtroppo come tante altre - spiega -. Come i bombardamenti americani o quelli degli alleati sulle città italiane, come le bombe atomiche sganciate su Hiroshima e Nagasaki". "La Giornata del Ricordo, come è stata concepita è il momento in cui la versione del neo fascismo italiano diventa la versione ufficiale dello Stato', parole sue che condivido", prosegue.

"Non nego le foibe - ribadisce lo storico - Ma contesto l'uso che se ne è fatto e l'uso della Giornata del Ricordo, primo firmatario Ignazio La Russa. E' una legge dei neofascisti. Secondo me andrebbe cancellata". E ancora: "Quello che mi sconcerta è che alcuni deputati della Repubblica siano così ignoranti da non sapere che i rettori non li rimuove il ministro, non li rimuove il parlamento, sono cariche elettive. Esiste l'articolo 33 della Costituzione che protegge l'autonomia delle Università, una volta che un rettore è eletto solo la magistratura lo può rimuovere e solo per reati gravi. Ci vuole l'interdizione".

"Purtroppo tutto ciò dimostra un grave analfebetismo istituzionale e il sommo disprezzo per la libertà di pensiero, per la libertà della ricerca e l'autonomia dell'università - ha concluso Montanari -. Non mi permetto di chiedere le dimissioni di questi parlamentari. Ci dovrebbero però essere parlamentari degni, capaci almeno di conoscere l'ordinamento dello Stato".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x