Domenica, 25 Settembre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Maison Celestino, il brand Made in Italy sinonimo di haute couture e tessuti esclusivi

Sono realizzati ancora oggi a telaio da esperte tessitrici gli abiti haute couture di Maison Celestino che ha sfilato davanti a un parterre d’eccezione in un magnifico borgo della Calabria, adorno di agrumeti ed eucalipti.

Di Andrea Cianferoni

27 Luglio 2022

Maison Celestino

Maison Celestino

Una nutrita platea di oltre 200 persone ha applaudito le sofisticate creazioni di Maison Celestino ispirate al realismo magico di Edward Hopper. La sontuosa tenuta Mascaro con la benedizione della baronessa Angela Toscano Mandatoriccio, decana della nobiltà calabrese e madrina d’eccezione dell’evento, ha ospitato un grande spettacolo di glamour e bellezza trasmesso live in streaming dal cuore della piana di Sibari.

Nel momento più irripetibile della Golden hour, a pochi chilometri da Corigliano Rossano, Pino Quartullo e Ornella Muti, ospiti d’onore della Maison, hanno apprezzato i colori fastosi e i suggestivi riflessi dorati delle mises disegnate dalla talentuosa Federica Marino per Maison Celestino che ha così riaffermato la centralità dell’artigianato e della qualità più elevata nella sua grande storia di passione e bellezza.

Una realtà unica che oggi guarda sempre più lontano. Nel corso dello show, animato da una serie di memorabili tableaux vivants creati per la griffe made in Italy dall’abile direttore artistico Giovanni Scura, il brand ha infatti annunciato a un parterre gremito di celebrità e importanti autorità del mondo politico, la sua scelta di tornare a calcare le passerelle parigine nel dicembre del 2022.

Un prestigioso traguardo che corona un percorso glorioso intessuto di talento ed eccellenza da esportazione, fiore all’occhiello di un territorio in cui dai primi del Novecento, attraverso il contributo di cinque generazioni, il brand ha creato ricchezza, valore e occupazione dando lustro all’Italia intera. Così, attraverso i tessuti sfavillanti di foliages fil coupé e di sottili fili flottanti d’oro zecchino che decoravano i 31 outfits della collezione ispirata ai Roaring Twenties e alle sensuali atmosfere dell’epoca jazz, Maison Celestino ha confermato la sua grande lezione di arte e cultura artigianale portata dalla coppia Caterina Celestino e Francesco Mercogliano ai suoi più alti livelli.

Acuti di stile hanno caratterizzato le voluttuose tuniche mono-spalla in frange di lino finemente intagliate e le mises avorio declinate in raffinate sete jacquard come pure le imprevedibili andrienne di lino purissimo dagli accenti raw e i sensuali abiti rosati dai bagliori cangianti abbelliti da spighe dorate intessute nelle trame delle sete impalpabili frutto della perizia di abili tessitrici depositarie di un’arte antica risalente alla Magna Grecia.

La sfilata, valorizzata dalle scultoree acconciature arricchite da fiori concepite dal rinomato e abile coiffeur Giuseppe Scaramuzzo, è stata seguita da un raffinato e squisito dîner placé per un gruppo di happy few curato dalla sapiente regia culinaria di un plotone di chef stellati alla presenza di ospiti d’eccezione, degna conclusione di una serata memorabile.

 

 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x