Domenica, 03 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Casta Diva Group: l'Assemblea autorizza il passaggio al modello monistico e l'acquisto di azioni proprie

Andrea De Micheli, Presidente Casta Diva Group: "La misura nasce dalla convinzione che tale sistema risulti quello maggiormente in grado di rispondere alle avvertite istanze di razionalizzare la governance della Società e trova giustificazione nella significativa operatività e presenza della sui mercati esteri"

16 Maggio 2022

Andrea De Micheli

fonte: Imagoeconomica

Casta Diva Group, PMI Innovativa quotata su AIM Italia attiva a livello internazionale nel settore della comunicazione, comunica che l’assemblea ordinaria degli azionisti riunitasi in data odierna, 16 maggio, in prima convocazione ha autorizzato il Consiglio di Amministrazione all’acquisto ed alla disposizione delle azioni proprie della Società sino a un numero massimo di azioni ordinarie (“Azioni") da detenersi in qualsiasi momento pari al 10% del capitale sociale, per un periodo non superiore a 18 mesi dalla data odierna, ad un prezzo non inferiore nel minimo e non superiore nel massimo del 20% al prezzo di riferimento delle Azioni registrato nella seduta di borsa del giorno precedente ogni singola operazione.

L’acquisto potrà essere effettuato secondo le modalità di volta in volta individuate dal Consiglio di Amministrazione secondo qualsivoglia modalità consentita dalla normativa vigente.

L’acquisto potrà essere effettuato per le seguenti motivazioni:

  • intervenire, direttamente o tramite intermediari, per regolarizzare l’andamento delle negoziazioni e dei corsi e per sostenere sul mercato la liquidità del titolo, fermo restando in ogni caso il rispetto delle disposizioni vigenti;
  • conservazione per successivi utilizzi, ivi inclusi, a titolo esemplificativo, corrispettivo in operazioni straordinarie, anche di scambio o cessione di partecipazioni da realizzarsi mediante permuta, conferimento o altro atto di disposizione e/o utilizzo, con altri soggetti, ovvero la destinazione al servizio di prestiti obbligazionari convertibili in azioni della Società o prestiti obbligazionari con warrant;
  • impiego a servizio di futuri piani di compensi e incentivazione basati su strumenti finanziari e riservati agli amministratori e ai dipendenti della Società e/o delle società dalla stessa direttamente o indirettamente controllate, sia mediante la concessione a titolo gratuito di opzioni di acquisto, sia mediante l’attribuzione gratuita di azioni (c.d. piani di stock option e di stock grant), ivi inclusi piani di c.d. work for equity per amministratori, dipendenti, consulenti e fornitori;
    impiego a servizio di eventuali futuri programmi di assegnazione gratuita di azioni agli azionisti.
    Alla data odierna la Società è titolare di n. 262.965 azioni proprie, pari all’1,35% del capitale sociale di CDG

L’assemblea ha inoltre in sede straordinaria approvato la modifica degli articoli da 16 a 22 del vigente statuto sociale volta ad adottare il modello monistico di amministrazione e controllo ai sensi degli articoli 2409- sexiedecies e seguenti c.c. ed ha approvato la modifica degli articoli 5, 8 e 9 del vigente statuto sociale volta ad adeguare lo stesso alle modifiche della denominazione del mercato di negoziazione delle azioni (Euronext Growth Milan) e del relativo Regolamento Emittenti.

In relazione all’adozione del sistema monistico il Presidente Andrea De Micheli afferma: “La misura, oggi approvata dall’assemblea straordinaria di CDG, di passare dall’attuale sistema di amministrazione e controllo c.d. “tradizionale” (CdA e Collegio Sindacale) ad un sistema monistico – che prevede la permanenza del solo Consiglio di Amministrazione e nel suo seno, l’istituzione di un Comitato di Controllo sulla Gestione incorporante talune mansioni proprie dell’organo di controllo - nasce dalla maturata convinzione che tale sistema risulti, allo stato attuale, quello maggiormente in grado di rispondere alle avvertite istanze di razionalizzare la governance della Società, in coerenza con l’impegno di crescita sostenibile ed il recepimento dei requisiti normativi per la composizione del Consiglio di Amministrazione in materia di diversità ed indipendenza. L’adozione di tale sistema monistico trova inoltre giustificazione nella significativa operatività e presenza della Società (storica e, ancor più, prospettica) sui mercati esteri in quanto, alla luce delle similitudini con i modelli di organizzazione maggiormente diffusi tra le società proprie di altri ordinamenti normativi, tale modello risulterebbe senz’altro di più agevole comprensione per gli interlocutori (commerciali e/o investitori) esteri.”

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x