Venerdì, 20 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Edison lancia Edison Next per la decarbonizzazione di aziende e territori e annuncia 2,5 mld di investimenti al 2030

Nicola Monti, Amministratore Delegato di Edison: "Con Edison Next acceleriamo sui servizi energetici e ambientali, all’uso efficiente del gas naturale nella generazione e nei trasporti pesanti e ai servizi innovativi per i clienti residenziali. Lo facciamo con un piano di investimenti importante che dà un contributo concreto agli sfidanti obiettivi di decarbonizzazione dell’Unione Europea”

11 Maggio 2022

Edison lancia Edison Next per la decarbonizzazione di aziende e territori e annuncia 2,5 mld di investimenti al 2030

fonte: @ilgiornaleditalia.it

Nasce Edison Next, la società di Edison che accompagna aziende e territori in Italia e Spagna nella transizione ecologica e nella decarbonizzazione. Edison Next è una piattaforma unica sul mercato per servizi, tecnologie e competenze, già presente in Italia, Spagna e Polonia, in oltre 65 siti industriali, 2.100 strutture (pubbliche e private) e 280 città, con oltre 3.500 persone.

Edison Next, piano strategico al 2030: investimenti pari a 2,5 mld di euro in Italia e Spagna, EBITDA di 300 mln 

Edison Next annuncia un piano di sviluppo con investimenti per 2,5 miliardi di euro al 2030, di cui 300 milioni per il settore dei servizi energetici in Spagna, e un obiettivo di EBITDA pari a 300 milioni di euro. 

Nicola Monti, Amministratore Delegato di Edison, dichiara: “Edison è la società energetica più antica di Europa e vuole essere protagonista della transizione ecologica. Da 140 anni operiamo in questo settore attraverso un parco di generazione sostenibile e all’avanguardia. Oggi con Edison Next acceleriamo sui servizi energetici e ambientali, uno dei pilastri della nostra strategia insieme alle fonti rinnovabili, all’uso efficiente del gas naturale nella generazione e nei trasporti pesanti e ai servizi innovativi per i clienti residenziali. Lo facciamo con un piano di investimenti importante che dà un contributo concreto agli sfidanti obiettivi di decarbonizzazione dell’Unione Europea”.

Monti (Edison): "Accompagnare le industrie nella decarbonizzazione per traguardare soluzioni innovative come l’idrogeno"

VIDEO - Monti (Edison): "Accompagnare le industrie nella decarbonizzazione per traguardare soluzioni innovative come l’idrogeno"

Nicola Monti, Amministratore Delegato di Edison, a Il Giornale d'Italia:

"Questi investimenti hanno una ripartizione che va principalmente sulla parte industria, ma una quota rilevante è dedicata anche alla pubblica amministrazione. Attraverso tutte le competenze che abbiamo raggruppato in questa società, oggi siamo in grado di fornire un ventaglio di soluzioni molto ampio. Amministrazione pubblica vuol dire ospedali, ma anche scuole. Qui andiamo ad intercettare anche i fondi del PNRR ai quali attingeranno le amministrazioni locali.

Sulle piccole medie o grandi industrie, vogliamo accompagnarli in un percorso di decarbonizzazione e quindi creare con loro un ingaggio che ci possa portare nel breve ad utilizzare tecnologie di decarbonizzazione esistenti e competitive (pannelli solari, impianti di trigenerazione, pompe di calore), ma in futuro anche traguardare soluzioni più innovative come l’idrogeno.

Sulle rinnovabili, come Edison abbiamo l’obiettivo di portare da 2 a 5 GW la capacità installata all’orizzonte 2030. Per quanto riguarda Edison Next andremo a sommare a quello che è l’obiettivo più generale di capacità installata rinnovabile a tutto ciò che riusciremo a mettere a terra nei confronti dell’industrie e della PA."

Sulle richieste a seguito del decreto extra-profitti, afferma:

"È un decreto che riteniamo ingiusto e che non raggiunge gli obiettivi che si era prefissato almeno nel dichiarato, cioè di andare a cogliere di extra profitti. Noi abbiamo avuto un impatto negativo del 70% sugli utili del primo trimestre rispetto a quelli dell’anno scorso, evidentemente non è una manovra che va a cogliere gli extraprofitti e quindi va modificata.

Abbiamo proposto degli emendamenti, speriamo che non venga recepita solo la possibilità che la manovra vada da 10 vada al 20% come annunciato settimana scorsa dal governo, ma che ci siano anche aggiustamenti che rendano più equa e proporzionata la misura tra i differenti operatori energetici."

Edison Next, l'AD Brianza: "Aiutiamo le aziende a essere competitive e siamo al  fianco della pubblica amministrazione per migliorare i servizi e la qualità della vita, facendo leva su innovazione e digitale"


“Oggi nasce Edison Next e siamo orgogliosi di annunciare il nostro piano di investimenti al 2030 – dichiara Giovanni Brianza Amministratore Delegato di Edison Next – La missione che ci siamo dati è di aiutare le aziende e i territori in un percorso difficile ma necessario, proponendoci come partner di lungo periodo. Lo facciamo grazie ad una piattaforma unica sul mercato per servizi, tecnologie e competenze. Aiutiamo le aziende a essere competitive sui loro mercati di riferimento e siamo al  fianco della pubblica amministrazione per migliorare i servizi offerti ai cittadini e la qualità della vita delle persone, facendo leva su innovazione e digitale. Puntiamo a diventare un operatore di riferimento in Spagna come in Italia”.

Giovanni Brianza (Edison Next): “L’obiettivo è diventare la piattaforma di riferimento nella transizione energetica per Italia e Spagna”

VIDEO - Giovanni Brianza (Edison Next): “L’obiettivo è diventare la piattaforma di riferimento nella transizione energetica per Italia e Spagna”

Giovanni Brianza, Amministratore Delegato di Edison Next a Il Giornale d’Italia: ”La missione di Edison Next è quella di accompagnare clienti e territori nel percorso di transizione ecologica e decarbonizzazione, mettendo a disposizione una piattaforma che è unica nel suo genere per completezza d’offerta. Mettiamo disposizione servizi che vanno dall’autoproduzione delle fonti rinnovabili, efficienza energetica, il trattamento dei rifiuti industriali, i green gas quindi biometano e idrogeno, servizi di rigenerazione urbana e di smart city e trasversalmente consigli energetici per aiutare i nostri clienti a consumare meno. Il punto di partenza è già importante, è una squadra di più di 3500 persone e l’obiettivo è quello di investire 2,5 miliardi di euro da qui al 2030 e di raggiungere sempre alla stessa scadenza 300 milioni di euro di EBITDA.”

“Questi investimenti riguarderanno trasversalmente i segmenti che andiamo a servire: industria, la pubblica amministrazione italiana, la Spagna nelle sue declinazioni industria e pubblica amministrazione, tutto il filone ambientale biometano e gestione dei rifiuti industriale e i progetti di rigenerazione urbana. Principalmente gli investimenti riguarderanno la parte industriale e quella di pubblica amministrazione.”

“Abbiamo finalizzato l’acquisizione de secondo operatore in Italia di pubblica illuminazione Citelum che è presente in Spagna ed è il quinto operatore, acquisizione importante perché ci permette di essere più forte sui territori. Contestualmente abbiamo finalizzato l’acquisizione di Sistrol, società digitale che vende servizi al mondo del terziario spagnolo e che in futuro potrà vendere gli stessi servizi sul mercato italiano.”

“L’obiettivo è diventare la piattaforma di riferimento per i nostri clienti italiani e spagnoli, essere tra i primi due o tre operatori nell’ambito della transizione energetica sui mercati di riferimento. Partiamo da una posizione molto forte sull’industria, stiamo rafforzando sulla pubblica amministrazione e stiamo addentrandoci in settori nuovi come la rigenerazione urbana dove mettiamo a disposizione di costruttori e architetti la competenza storica che Edison vanta nell’ambito dell’ingegneria e la gamma di servizi di Edison Next.”

Edison Next perfeziona l'acquisizione di Citelum, secondo operatore in Italia nel settore dell’illuminazione pubblica

Edison Next comunica di aver perfezionato l’acquisizione di Citelum, che ha una presenza capillare sul territorio nazionale e spagnolo: è secondo operatore in Italia nel settore dell’illuminazione pubblica e quinto operatore in Spagna con una quota di mercato pari al 10%. In Spagna Edison Next ha inoltre rilevato il controllo di Sistrol, società digitale attiva nei servizi energetici per il terziario.

Edison Next accompagna le aziende in un percorso di trasformazione che coniughi sostenibilità e competitività. La società mira a costruire con i propri clienti un rapporto di partnership, che partendo dalla comprensione della carbon footprint e dalla definizione congiunta degli obiettivi, identifica, progetta e realizza un piano integrato di soluzioni e ne monitora costantemente i risultati.

Edison Next si rivolge alla pubblica amministrazione per lo sviluppo dei territori proponendo servizi energetici per edifici (scuole, ospedali, centri sportivi, carceri) e soluzioni di rigenerazione urbana in partnership con sviluppatori e costruttori.

Edison Next opera attraverso una piattaforma di soluzioni che rappresenta un portafoglio integrato multi-prodotto, flessibile e diversificato e che comprende soluzioni per la consulenza energetica e ambientale (come analisi della carbon footprint e il supporto all’ottenimento degli incentivi), per l’autoproduzione di energia (come fotovoltaico e trigenerazione), per la riqualificazione e la gestione efficiente di tutti gli impianti energetici in ambito industria e building (come pompe di calore, illuminazione a LED e soluzioni digitali), per la produzione e l’utilizzo di idrogeno e biometano, per la mobilità sostenibile (elettrica, a idrogeno e a biometano), per la smart city e la rigenerazione urbana (come reti di teleriscaldamento sostenibili, illuminazione pubblica, soluzioni per il traffico e la mobilità, strumenti digitali per la pianificazione energetica e per la gestione di quartieri e città), per l’economia circolare (come gestione e valorizzazione scarti industriali, bonifiche e trattamento acque).

Il 2030 rappresenta un anno chiave in cui si dovrà raggiungere un abbattimento del 55% delle emissioni di CO2 rispetto al 1990.Il “Green Deal” porterà inoltre l’Europa ad essere il primo continente climaticamente neutro (emissioni nette di CO2 pari a zero) entro la seconda metà del 2050. Il raggiungimento di questi obiettivi richiederà un contributo significativo da parte di aziende e pubbliche amministrazioni. Si prevede un totale di investimenti in Italia superiore a 60 miliardi di euro e a 50 miliardi di euro in Spagna nel periodo 2022-2030.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x