Sabato, 21 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Orbassano inaugura il primo social housing progettato per accogliere persone con grave disabilità motoria

Cinzia Maria Bosso, Sindaco di Orbassano: "Un progetto ambizioso capace di creare cultura dell'inclusione"

03 Maggio 2022

Orbassano inaugura il primo social housing progettato per accogliere persone con grave disabilità motoria

Condividere gli Spazi e includere le differenze ad Orbassano (TO) ora è realtà. Offrire una risposta al disagio abitativo delle famiglie e sviluppare un nuovo servizio residenziale dedicato alla disabilità motoria, in collaborazione con il "Gruppo di Aiuto e Sostegno del Disagio Abitativo delle Persone con gravi disabilità". Sono questi gli obiettivi del progetto di social housing “Condividere gli Spazi, includere le differenze” inaugurato oggi. Primo in Italia con queste caratteristiche, è stato progettato per integrare persone affette da disabilità motoria ed è promosso dal “Fondo Abitare Sostenibile Piemonte (FASP)”, il fondo dedicato allo sviluppo di iniziative di social housing sul territorio piemontese partecipato da Cassa Depositi e Prestiti (attraverso il Fondo Investimenti per l’Abitare – FIA) con una quota del 66% e dalle maggiori Fondazioni di origine bancaria piemontesi.

Il progetto – iconico ed esemplare – è stato immaginato dalla Città di Orbassano, dalla Cooperativa Giuseppe Di Vittorio, dal FASP, da Fondazione Compagnia di San Paolo, da CDP Immobiliare SGR (Gruppo Cassa Depositi e Prestiti) e da InvestiRE SGR, (primario operatore italiano nella gestione di fondi di investimento immobiliari, tra cui il FASP, connotato da una forte specializzazione nel settore residenziale e nel social housing). L’iniziativa è stata pensata per realizzare 3 obiettivi: progettare spazi condivisi, favorire l’inclusione di persone con disabilità e creare un equilibrio economico per rendere possibile l’applicazione di canoni sociali. Il 10% degli appartamenti realizzati sarà destinato a persone con problemi di disabilità motoria, in particolare con lesioni midollari e patologie neurovegetative (individuati attraverso una selezione con evidenza pubblica).

Condividere gli spazi, includere le differenze prevede anche la realizzazione di spazi comuni che ospiteranno attività e servizi quali: attività rieducative e assistenza psicologica, isole tecnologiche per laboratori, luoghi collettivi di relazione. Questi spazi e le attività ad essi connesse saranno rivolti sia ai soci assegnatari sia agli abitanti del territorio e saranno gestiti e presidiati dalle associazioni specializzate del terzo settore.

Progettare spazi condivisi per favorire l'inclusività e creare equilibrio economico

“Come sempre la nostra Cooperativa, con entusiasmo, ha preso parte e trainato i diversi protagonisti di questo intervento per continuare a dare risposte ai nostri Soci ed anche confrontarci con esigenze di un abitare con le quali non avevamo alcuna esperienza.  Purtroppo durante il percorso il cantiere è stato investito dalla pandemia ed infine dagli aumenti dei costi ma nonostante queste variabili abbiamo rispettato i nostri impegni verso i Soci non aumentando il canone. È doveroso ringraziare tutte le persone che hanno lavorato per consentirci, oggi, di presentare questo intervento ed in particolare ricordare Pasquale Cifani che è stato l’anima del progetto” commenta il Presidente della Cooperativa di G.Di Vittorio, Massimo Rizzo.

Un progetto con caratteri di flessibilità dove l'inclusione è l'anima dell'abitare, vivere la condizione di disabilità in un complesso residenziale senza ostacoli e separazioni con altre famiglie normodotate. L'obiettivo è quello di garantire il più possibile un ritorno alla normalità realizzando appartamenti come fossero abiti su misura, particolare attenzione è stata posta agli aspetti della sostenibilità ambientale con la progettazione di impianti tecnologici a basso impatto energetico e di soluzioni ergonomiche a favore dei soggetti disabili” conclude l’architetto Graziella Mercuri progettista del complesso con la collaborazione di Walter Fazzalari. La Fondazione Compagnia di San Paolo, oltre al sostegno attraverso il fondo FASP, supporta le attività e le lavorazioni specificatamente pensate ai fini della realizzazione della componente dedicata alle persone disabili.

“La Fondazione Compagnia di San Paolo si impegna affinché le persone non si sentano sole nell’affrontare le proprie sfide, considerando ogni diversità come una fonte di ricchezza da cui partire. Il progetto che inauguriamo oggi rappresenta un nuovo modello replicabile di Social Housing: un’infrastruttura sociale che favorisce la vita indipendente delle persone con disabilità attraverso percorsi di sviluppo dell’autonomia, che è capace di supportare le persone ad essere protagoniste del proprio futuro e nello stesso tempo crea una comunità che non solo condivide gli spazi ma una nuova modalità di abitare insieme”, dichiara Francesco Profumo, Presidente della Fondazione Compagnia di San Paolo

“Il Gruppo CDP, da sempre impegnato per uno sviluppo sostenibile che generi impatti positivi sulle comunità e sul territorio, ha contribuito, insieme alle Fondazioni di origine bancaria e agli altri partner locali, a questa nuova fase di un progetto dal contenuto sociale innovativo. Certamente un ottimo esempio di come le iniziative dei fondi da noi gestiti non si limitino ad offrire residenzialità a prezzi e canoni calmierati, ma puntino a fornire un contributo mirato per un fabbisogno specifico” – sottolinea Livio Cassoli, del Team Investimenti FIA e FNAS della SGR di Cassa Depositi e Prestiti.

“InvestiRE SGR rappresenta l’operatore di riferimento nello sviluppo e gestione di progetti di social housing a livello nazionale. InvestiRE SGR, negli ultimi dieci anni, ha ideato e realizzato in Italia più di cento progetti di social housing, corrispondenti a circa 6.300 appartamenti a beneficio di altrettante famiglie, grazie al supporto di CDPI SGR e delle fondazioni bancarie locali quali principali investitori. Il progetto di Orbassano nasce da questa solida esperienza e propone al contempo un carattere innovativo e sperimentale essendo finalizzato alla costituzione di una comunità che equilibra le esigenze di inquilini tradizionali ed inquilini affetti da disabilità motoria. Questo risultato è stato possibile grazie ad un percorso di progettazione condivisa nel quale il Gruppo di Aiuto e Sostegno del Disagio Abitativo delle Persone con gravi disabilità, la Cooperativa Di Vittorio e la Compagnia San Paolo hanno potuto apportare il loro indispensabile contributo” afferma Paolo Boleso, Head of Residential and Social Infrastructure di InvestiRE SGR. 

“Una grandissima soddisfazione per un sindaco essere testimone sul territorio che amministra di un progetto di tale portata, che persegue obiettivi sociali, inclusivi e di vita indipendente. Il quale si inserisce pienamente nell’ampio progetto portato avanti dal mostro comune Orbassano senza barriere. Un progetto ambizioso continuo e costante composto da tutti quegli elementi capaci di creare cultura dell'inclusione, lo stile inclusivo e la filosofia dell’inclusività quali buone pratiche quotidiane. La Commissione inclusiva insediatasi per definire i requisiti necessari per partecipare alla manifestazione di interesse ha operato attraverso diversi incontri, nello spirito di condivisione e confronto. Ringrazio tutti i componenti per il lavoro svolto e la competenza dimostrata. Ringrazio gli Uffici comunali casa/assistenza per la collaborazione e l'impegno. Un ringraziamento particolare va alla Cooperativa Di Vittorio, all'arch. Graziella Mercuri che ha saputo interpretare attraverso la progettazione la volontà e la continuità del compianto Presidente, nonché amico, Pasquale Cifani. Un ringraziamento generale a tutti gli Attori che hanno e condiviso e reso possibile questo intervento” conclude Cinzia Maria Bosso, Sindaco della Città di Orbassano.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x