Giovedì, 29 Settembre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Armi atomiche, Mosca ha il più grande arsenale del mondo: 12% in più rispetto agli Usa (6.255 a 5.550)

È la Dottrina Primakov, elaborata negli anni ‘90, a tracciare le linee guida da seguire per l’impiego delle armi nucleari tattiche o substrategiche della Russia

21 Settembre 2022

Armi atomiche, Mosca ha il più grande arsenale del mondo: 12% in più rispetto agli Usa (6.255 a 5.550)

In caso di guerra nucleare, da scongiurare, è la Russia ad avere il più grande arsenale atomico del mondo. Più degli Stati Uniti. Molto più di Cina e Corea del Nord. Secondo i dati dell’Ispi, l’Istituto per gli studi di politica internazionale, Mosca ha 6.255 testate nucleari, il 12% in più degli Usa, che seguono con 5.550. Gli altri sette Paesi dotati di un arsenale atomico sono Cina (350), Francia (290), Regno Unito (225), Pakistan (165), India (156), Israele (90) e Corea del Nord (40).

Armi atomiche, Mosca ha il più grande arsenale del mondo: 12% in più rispetto agli Usa (6.255 a 5.550)

Le autoproclamate repubbliche autonome del Donbass, Lugansk e Donetsk, e le aeree degli oblast di Kherson e Zaporizhzhia hanno indetto il referendum sull’annessione alle Russia. Se i territori venissero russificati, gli attacchi militari in quelle zone sarebbero considerati aggressione in territorio di Mosca: una circostanza che, secondo il codice di difesa russo, prevede l’uso di armi nucleari per difendere “l’esistenza dello Stato, la sovranità e l’integrità territoriale del Paese”. “Nonostante gli enormi progressi nel ridurre gli arsenali nucleari della Guerra fredda, la riserva complessiva di testate atomiche resta a un livello molto elevato: circa 15.350 testate”, sottolineava un rapporto del Nuclear notebook della federation of american scientists pubblicato nell’edizione 2016 del Bulletin of the atomic scientists. I nove Stati che possiedono testate nucleari si dividono in due gruppi: da una parte i Nuclear weapon States, ovvero gli Stati che erano in possesso di queste armi prima del 1 gennaio 1967 (i cinque vincitori della seconda guerra mondiale e membri permanenti del Consiglio di sicurezza della Nazioni Unite: Usa, Russia, Regno Unito, Francia e Cina), mentre dall’altra ci sono India, Pakistan, Corea del Nord e Israele. La sperimentazione di armi di tipo nucleare è governata dal Tnp, il Trattato di non proliferzione, che proibisce ai 191 Stati firmatari di procurarsi tali armamenti e, agli stati nucleari, di trasferire le teastate ad altri stati. Tuttavia Israele, India e Pakistan non hanno mai firmato il trattato. Stessa cosa vale per la Corea del Nord, che si è ritirata dopo averlo firmato. Sempre secondo l’Ispi, in In 75 anni, dal 1945 al 2020, sono stati effettuati 2.056 test nucleari, mentre, se si parla di conflitti, la bomba atomica è stata utilizzata dagli Usa nel ‘45 sulle città di Hiroshima e Nagasaki

Armi atomiche, Mosca ha il più grande arsenale del mondo: 12% in più rispetto agli Usa (6.255 a 5.550)

Lo scorso 17 settembre il portavoce del Cremlino, Dmitrij Peskov, aveva risposto alla domanda dei giornalisti che chiedevano se esista la reale possibilità che Mosca utilizzi armi nucleari in Ucraina. “Tutto è indicato nella dottrina nucleare della Federazione Russa”, ha risposto laconicamente Peskov intendendo un annesso alla dottrina militare, derivante dalla più ampia Dottrina Primakov relativa alla politica estera e di sicurezza della Federazione Russa. La Dottrina Primakov è stata elaborata negli anni ‘90 dall’ex premier ed ex ministro degli Esteri, Evgenij Primakov. E traccia le linee guida da seguire per l’impiego delle armi nucleari tattiche o substrategiche. Le linee guida relative alle armi nucleari strategiche e alla dissuasione globale sono invece precisate nel documento del giugno 2020 dal titolo “Fondamentali della politica russa per la dissuasione nucleare”.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x