Mercoledì, 06 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Azovstal caduta in mano ai russi. New York Times: "Vittoria di Kiev irrealistica"

Il Cremlino è "troppo forte" e Vladimir Putin "ha investito troppo prestigio personale nell’invasione per fare marcia indietro". Il New York Times stronca le possibilità di vittoria dell'Ucraina e lancia un appello a Biden: "Dica a Zelensky che c'è un limite all'invio di armi"

21 Maggio 2022

Azovstal caduta in mano ai russi. New York Times: "Vittoria di Kiev irrealistica"

fonte: Instagram @ourwarstoday2

L'acciaieria Azovstal di Mariupol è caduta in mano ai russi. Ad annunciarlo è stato, ieri sera, il ministro della Difesa di Mosca Sergei Shoigu. Le truppe di Vladimir Putin hanno riferito di aver "liberato completamente" la struttura dopo la resa degli ultimi 531 soldati ucraini presenti. "Adesso - si legge sul New York Times - la vittoria di Kiev è irrealistica". Il motivo è molto semplice: il Cremlino è ormai "troppo forte" dal momento che lo stesso leader "ha investito troppo prestigio personale nell’invasione per fare marcia indietro". Poi lo stesso giornale americano lancia un invito a Biden: "Il presidente Usa dica a Zelensky che c'è un limite anche all'invio di armi".

Ucraina, New York Times: "Biden dica a Zelensky che c'è un limite a invio armi"

Pensare che l'Ucraina possa sconfiggere la Russia e riconquistare tutti i territori persi, compresa la Crimea, soprattutto dopo la caduta di Azovstal "non è un obiettivo realistico". Lo afferma il New York Times che pubblica un editoriale, firmato da un gruppo di giornalisti opinionisti, dal titolo "La guerra in Ucraina si sta complicando e l'America non è pronta". Poi lancia un invito a Biden: "Dovrebbe - si legge - chiarire a Volodymyr Zelensky che c’è un limite a quanto gli Stati Uniti e la Nato affronteranno la Russia e ci sono limiti alle armi, al denaro e al sostegno politico che possono raccogliere".

"Solo così - continua l'articolo - le decisioni dolorose che dovrà prendere il governo ucraino si baseranno su una valutazione realistica dei suoi mezzi e di quanta più distruzione può sopportare l'Ucraina". Secondo il giornale americano, continuando a inviare miliardi di dollari in aiuti militari a Kiev, gli Usa stanno mettendo "a rischio la pace e la sicurezza a lungo termine nel continente europeo".

Una vittoria di Kiev adesso, secondo gli esperti, sarebbe "irrealistica" poichè, si legge ancora sul NYT, "la Russia, per quanto maltrattata e inetta, è ancora in grado di infliggere distruzioni indicibili all'Ucraina ed è ancora una superpotenza nucleare con un despota ferito e instabile che ha mostrato poca inclinazione verso una soluzione negoziata". E ancora: "Confrontarsi con questa realtà può essere doloroso, ma non è appeasement", scrivono gli editorialisti americani, che infine concludono: "Questo è ciò che i governi sono tenuti a fare – si legge ancora – non inseguire una ‘vittoria’ illusoria".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x