Domenica, 29 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Slovenia, esplosione in un impianto chimico vicino Lubiana: 20 feriti, alcuni con gravi ustioni

Ancora sconosciuta la dinamica che ha portato all'incidente di stamattina a Kocevje, cittadina vicino Lubiana e dove si trova l'impianto chimico Melamin. Ai residenti nelle vicinanze è stato consigliato di non uscire di casa

12 Maggio 2022

Esplosione

Esplosione (fonte Twitter @F_Scoccimarro)

In Slovenia, nel sud-est pre la precisione. è esploso un impianto chimico che ha causato almeno 20 feriti. Il luogo in cui è avvenuta la deflagrazione è Kocevje, paesino della Slovenia Meridionale. Stamattina giovedì 12 maggio alle 8.30 l'esplosione che ha costretto le autorità ad esortare gli abitanti a rimanere al chiuso. Una riunione urgente diramata per verificare i danni è stata annunciata. L'incendio è stato poi spento, grazie all'arrivo dei vigili del fuoco sul posto. L'agenzia di stampa slovena STA che ha diffuso la notizia ha riferito che l'esplosione è stata così forte che l'hanno avvertita pure le persone degli edifici vicini. Da qui il consiglio a non uscire di casa finché non si è fatto il punto della situazione.

Slovenia, esplosione in un impianto chimico: sconosciute le cause

Riguardo all'esplosione dell'impianto chimico in Slovenia, a Kocevje per la precisione, città di 8mila abitanti che si trova a circa 55 chilometri dalla capitale Lubiana, rimangono ancora da definire le cause. La polizia locale ha diramato un appello che recita: "Consigliamo a tutti i residenti nell'area circostante di chiudere le finestre e di non uscire all'aperto". Vigili del fuoco e squadre di emergenza si sono precipitati alla fabbrica Melamin dove è scoppiato l'incendio, poi domato. Nell'impianto vittima dell'esplosione e su cui si ricercano ancora le cause, si producono prodotti chimici come resine per la carta, l'edilizia, il legno, la gomma e l'industria delle lacche. La fabbrica ha circa 200 dipendenti.

Slovenia, residenti nelle vicinanze consigliati a rimanere in casa

Ancora spaventati i residenti dopo lo scoppio avvenuto stamattina presto. L'esplosione avvenuta in Slovenia che ha causato 20 feriti, ha persuaso i cittadini a non fare passi azzardati e tenere chiuse le finestre, anche perché gli accertamenti sono ancora in corso. I feriti sono stati trasportati nel più vicino ospedale, alcuni di loro hanno riportato gravi ustioni sul corpo

Esplosione impianto chimico in Slovenia, no ricadute sull'Italia

La regione Friuli Venezia-Giulia ha puntualizzato sul sito che non ci saranno ricadute, vista la vicinanza tra i due Paesi, sull'Italia. La nota: "Sono da escludere delle ricadute di inquinanti nel territorio del Friuli Venezia Giulia causate dalla forte esplosione e dall’incendio che si è verificato questa mattina alle ore 8.30 circa nell’impianto chimico Melamin di Kočevje (SLO) a circa 80 km da Trieste in direzione est".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x