Sabato, 21 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Obbligo vaccinale, l'Austria lo approva con 137 voti: prevista multa fino a 3.600 euro

Con 137 voti a favore e 33 contrari l'Austria ha approvato l'obbligo vaccinale per gli over 18, primo paese europeo a farlo: in caso di violazione multa fino a 3.600 euro

20 Gennaio 2022

Obbligo vaccinale, l'Austria lo approva con 137 voti: prevista multa fino a 3.600 euro

fonte: Twitter @Affaritaliani

Nella serata del 20 gennaio l'Austria ha ufficialmente approvato l'obbligo vaccinale per tutti i cittadini al di sopra dei 18 anni, con multa fino a 3.600 euro in caso di violazione della legge. La norma è passata in parlamento con 137 voti a favore e 33 contrari, mentre 13 parlamentari non erano presenti alla votazione in quanto malati o astenuti per protesta. Al momento restano esclusi dall'obbligo coloro che non possono essere vaccinati per motivi medici, le donne in gravidanza e le persone che hanno contratto il Covid fino a sei mesi dalla guarigione.

Austria, approvato l'obbligo vaccinale

Attualmente l'Austria risulta essere la prima nazione dell'Unione Europea ad aver disposto l'obbligo vaccinale per tutta la popolazione maggiorenne. La decisione è stata presa per far fronte al basso tasso di vaccinazione del paese, al momento giunto al 75% circa. L'obbligo scatterà a partire dal mese di febbraio, anche se non è ancora chiaro se da martedì 1 o da venerdì 4. Il provvedimento approvato dal parlamento prevede l'obbligo vaccinale per tutti coloro che hanno residenza in Austria, sia principale che secondaria.

Dall'obbligo restano escluse per ore le donne in stato di gravidanza, le persone che sono guarite dal Covid da non più di sei mesi e coloro che non possono essere vaccinati per motivi medici. Per il primo mese in cui sarà in vigore il provvedimento non saranno previste sanzioni, ma a partire dal mese di marzo chi violerà le disposizioni rischia di pagare una multa fino a 3.600 euro. Al momento non è prevista la reclusione di chi si rifiuta di adempiere all'obbligo.

Il dibattito in parlamento

"Inorridito, sbalordito, scosso e scioccato", così il leader del partito di estrema destra Fpo Herbert Kickl si è definito a seguito dell'approvazione dell'obbligo vaccinale. Il dibattito in aula è stato particolarmente acceso, anche dopo le rassicurazioni del ministro della Salute Wolfgang Mueckstein: "Il vaccino contro il Covid-19 è sicuro; e serve un alto tasso di vaccinazione per contenere il virus". La presidente del Partito Socialdemocratico Pamela Rendi-Wagner ha invece dichiarato che: "La vaccinazione obbligatoria contro il coronavirus, che nessuno di noi voleva, si è purtroppo resa necessaria". Tra i parlamentari assenti per protesta alla votazione ve ne erano alcuni provenienti anche dai partiti di maggioranza dei Verdi e dei Popolari.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x