Mercoledì, 27 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Sottomarini nucleari, crisi tra Australia e Francia . Morrison: "Non mi pento"

Il primo ministro australiano difende la decisione di unirsi all'accordo voluto da Biden per contrastare il ruolo della Cina nell'Oceano Pacifico

19 Settembre 2021

Sottomarini nucleari, crisi tra Australia e Francia . Morrison: "Non mi pento"

Fonte: Facebook

Si intensifica la crisi dei sottomarini nucleari, che vede la Francia di Emmanuel Macron infuriata contro l'alleata Australia per la decisione di annullare la collaborazione sugli armamenti a favore della nuova alleanza con Stati Uniti e Regno Unito. In una dichiarazione pubblica diffusa dai media nazionali domenica 19 settembre, il Primo ministro australiano Scott Morrison ha difeso la decisione di Canberra: "Non mi pento."

"Prima l'interesse nazionale australiano"

L'Australia ha difeso la cancellazione di un accordo per l'acquisto di sottomarini nucleari di produzione francese. "Non mi pento della decisione di mettere al primo posto l'interesse nazionale australiano", ha detto il premier Scott Morrison nella conferenza stampa della domenica.

La mossa ha fatto infuriare la Francia, alleata Nato sia di Stati Uniti che Gran Bretagna, spingendola a richiamare i suoi ambasciatori da Washington e Canberra. La mossa ha anche irritato la Cina, la principale potenza emergente nella regione indo-pacifica e contro la quale è stata ideata la nuova alleanza.

Morrison ha detto di aver compreso la delusione della Francia per la cancellazione dell'ordine, valutato 40 miliardi di dollari nel 2016, anno dell'accordo ufficiale, ma ha ribadito che l'Australia deve sempre prendere decisioni nel suo migliore interesse. "Questo è un problema che è stato sollevato da me direttamente alcuni mesi fa e abbiamo continuato a parlarne, anche con i ministri della difesa e altri funzionari chiave", ha detto Morrison. 

Il ministro della Difesa Peter Dutton ha affermato che l'Australia è stata "in anticipo, aperta e onesta" con la Francia riguardo alle sue preoccupazioni. "Suggerimenti che le preoccupazioni non siano state segnalate dal governo australiano, sfidano, francamente, ciò che è pubblico e certamente ciò che hanno detto pubblicamente per un lungo periodo di tempo", ha detto Dutton a Sky News.

Il nuovo accordo trilaterale ha messo Washington in una crisi diplomatica senza precedenti con la Francia, che secondo gli analisti potrebbe arrecare danni permanenti alle alleanze degli Stati Uniti con la Francia e l'Europa, mettendo anche in dubbio il fronte unito che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha cercato di forgiare contro la crescita della Cina potenza.

 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x