Venerdì, 12 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Aumento bollette, cabina di regia con Draghi. Giorgetti: "Presto intervento del Governo"

Il ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti: "Calmierazione di prezzo per determinati settori produttivi". Domani il Cdm sul caro bollette

17 Febbraio 2022

Aumento bollette, cabina di regia con Draghi. Giorgetti: "Presto intervento del Governo"

Si è tenuta in tarda serata oggi, 17 febbraio 2022, a Palazzo Chigi la cabina di regia presieduta dal presidente del Consiglio Mario Draghi con i ministri Stefano Patuanelli, Giancarlo Giorgetti, Maria Stella Gelmini, Andrea Orlando, Elena Bonetti e Roberto Speranza: sul tavolo di discussione c'è il caro bollette. Domani, venerdì 18 febbraio 2022, si terrà invece il Consiglio dei ministri sullo stesso tema. "Per arginare l'impatto del caro-energia sulle imprese il governo valuta di introdurre dei meccanismi, che sono allo studio e che spero diventeranno norma a breve, di calmierazione di prezzo per determinati settori produttivi". Lo sostiene il ministro dello Sviluppo economico Giorgetti mentre risponde ad una interrogazione parlamentare nel corso del Question time al Senato di oggi. Durante la cabina di regina il premier Mario Draghi, dopo quanto accaduto sul Milleproroghe, ha richiamato i partiti chiedendo spiegazioni su quanto avvenuto. 

Aumento bollette, Giorgetti: "Domani intervento del Governo"

"Guardando al medio-lungo termine quello che possiamo fare oggi è aumentare la produzione, gestire meglio lo stoccaggio, gestire meglio gli approvvigionamenti nonostante il quadro geopolitico", continua Giorgetti. "Ma - precisa - serve anche una riflessione di lungo termine che riguarda la sovranità strategica e anche l'autonomia politica dell'Europa e dell'Italia". Per quanto riguarda le tempistiche "credo che già domani, o comunque rapidamente il Governo interverrà per replicare le misure già adottate a gennaio", dice il ministro dello Sviluppo economico.

"Si stanno valutando le modalità di reperimento delle risorse idonee, anche per il secondo trimestre dell'anno". A queste "si devono accompagnare ulteriori interventi come perfezionare le misure già esistenti, ad esempio di sostegno anche a chi procede all'autoproduzione dell'energia. È evidente – precisa – che l'ammontare degli aumenti richiederebbe disponibilità finanziarie ben oltre quelle della legge di bilancio".

Superbonus, Giorgetti: "Governo intervenuto in modo rozzo"

"Il Governo è intervenuto, diciamo così, in modo rozzo con il blocco delle cessioni", commenta Giancarlo Giorgetti a proposito del Superbonus. "Credo che a questo problema che ha creato oggettivamente una situazione di blocco e grave tensione nel settore si rimedierà a brevissimo con un provvedimento di urgenza, che contemplerà però anche altre misure, credo per formalizzare l'attività economica legata all'edilizia e al superbonus, comprese - credo di poter anticipare - anche nuovi strumenti sanzionatori”". E poi asserisce: "Io non sono contro il superbonus, però dobbiamo chiederci tutti se questo tipo di estensione sia equa e socialmente responsabile. Però il Parlamento è sovrano, ha deciso in questo senso e io lo rispetto".

Infine il ministro Giorgetti conclude: "Ho l'esigenza di richiamare il governo e il parlamento sul fatto che altri settori devono ricevere un'analoga attenzione poiché fronteggiano crisi epocali. È il caso dell'automotive. Spero che il parlamento e il governo dedichino altrettanta attenzione al settore, altrimenti il rischio è una crisi epocale per la produzione diretta e l'indotto".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x