Mercoledì, 26 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

City School Milano. Management e governance della città

City School Milano nasce dalla collaborazione tra MIP Politecnico di Milano e Fondazione Gianfranco Dioguardi

Di Paolo Brambilla

07 Novembre 2021

City School Milano. Management e governance della città

Prende il via oggi il percorso “City School Milano”, nato dalla collaborazione tra MIP Politecnico di Milano e Fondazione Gianfranco Dioguardi. Nella foto Elena Buscemi e Cristina Melchiorri durante la presentazione a Palazzo Reale.

Un percorso incentrato sui temi del management e della governance della città. I partecipanti del Comune di Milano e della Città Metropolitana di Milano affronteranno i temi della governance collaborativa, transizione ecologica, sperimentazione urbana alla luce delle sfide ed opportunità del PNRR.

L’esplosione dell’urbano e dei suoi confini ha provocato una modificazione dei processi di governance istituzionale e una formulazione e attuazione di nuove politiche. In questo contesto il ruolo determinante di city management si riferisce al superamento di una gestione frammentaria e settoriale dei problemi territoriali, attraverso l’adozione di un approccio sperimentale e strumenti flessibili di natura funzionale su ambiti di intervento anche extra urbani o metropolitani che prendano le distanze dal pregiudizio di una politica urbana “per il capoluogo”.

Tema: governo delle città

Il corso costituisce l’esito di un’approfondita analisi condotta tra i gruppi di ricerca del Politecnico di Milano e della Fondazione Dioguardi sulla formazione in tema di governo delle città, proponendosi di sviluppare competenze strategiche in grado di affrontare la complessità dei problemi urbani, sottolineando il ruolo di alcuni fenomeni particolarmente rilevanti.
La ricerca ha sottolineato il ruolo di alcuni fenomeni particolarmente rilevanti. Innanzitutto, il disallineamento radicale tra i confini amministrativi e le geografie dei processi in corso. In altre parole, l’esplosione dell’urbano e dei suoi confini, è accompagnato da una modificazione dei processi di governance istituzionale e, specialmente, connessi alla formulazione
e attuazione delle politiche: nuovi attori, nuovi territori, nuove reti, nuovi confini istituzionali, rispetto ai quali il city management insieme alle indicazioni delle élite politiche locali, è costretto a sperimentare risposte e inventare soluzioni che richiedono cooperazione, oltre a una diversa capacità di osservazione e interpretazione dei fenomeni socio-spaziali.

Fattori specificamente locali

Inoltre, nella formulazione di politiche di gestione “ordinaria” della città, si pongono sempre più in evidenza i fattori specificamente locali, come per esempio la struttura economica urbana, la capacità istituzionale e la strategia politica, i quali possono indirizzare il ruolo giocato a livello regionale e globale dalle città.

Il corso si compone di 10 moduli da 3,5 ore ciascuno, che si svolgeranno online e in presenza di venerdì pomeriggio e sabato mattina: è rivolto ad amministratori, dirigenti e funzionari della pubblica amministrazione.

Per maggiori dettagli cliccare qui

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x