Mercoledì, 25 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Mino Raiola: causa morte, malattia e tumore

Alla fine, a quanto sembra, il procuratore Mino Raiola non ce l'ha fatta: causa morte, malattia e tumore

30 Aprile 2022

Mino Raiola ricoverato in ospedale e operato d'urgenza: condizioni di salute

Fonte: lapresse.it

Nella giornata di sabato 30 aprile 2022 è arrivata la notizia della scomparsa di Mino Raiola, il super procuratore di calcio: causa morte, malattia e tumore. L'uomo aveva 54 anni e da qualche tempo era affetto da vari problemi di salute. Recentemente, inoltre, era stato anche ricoverato in ospedale. Era gennaio, e Raiola era stato sottoposto a delicato intervento chirurgico nell'Irccs milanese. In un primo momento, la notizia dalla morte del procuratore era stata data giovedì 28 aprile, poi smentita dallo stesso Raiola. Alla fine, però, a quanto sembra, il re dei procuratori calcistici non ce l'ha fatta.

Mino Raiola: causa morte, malattia e tumore

Mino Raiola è anche il famoso procuratore di diversi campioni, come da Zlatan Ibrahimovic a Gianluigi Donnarumma. Inoltre era anche agente di quello che forse, a breve, diventerà il calciatore più pagato al mondo, il norvegese Erling Håland. Non si conosce l'effettiva causa della morte di Mino Raiola, che però soffriva da tempo di molti problemi di salute. Da gennaio faceva infatti i conti con una terribile malattia. Non si trattava di tumore o un cancro, ma di una patologia polmonare non legata al Covid. Le sue condizioni si erano nel tempo molto aggravate. Ma non sappiamo con certezza se sia stata veramente questa patologia a provocare, alla fine, il decesso.

Con il decesso di Mino Raiola, comunque, non c'entrerebbe nulla il Covid o il vaccino contro il Covid. Questa precisazione si rende sempre necessaria a fronte di chi, in rete, alla morte di una qualsiasi persona famosa, cerca sempre legami con il virus o con il siero. Legami che, bisogna dirlo, non sempre (anzi quasi mai) sono stati comprovati. Fonti affermate hanno infatti subito fatto sapere che "la patologia polmonare per cui è deceduto non era legata al Covid". Mino Raiola aveva appena 54 anni di età, dunque la sua scomparsa arriva inaspettata, soprattutto per coloro che non gli stavano vicino. Parenti, familiari, amici e coloro tra gli addetti ai lavori del mondo del calcio lo conoscevano, stanno in questo momento mantenendo il massimo riserbo sulla morte del re dei procuratori.

Recentemente, lo scorso anno, Mino Raiola, era stato al centro di una vera e propria bufera mediatica quando aveva "provocato" il trasferimento del portiere capitano del Milan Gigio Donnarumma al PSG a parametro zero. Sempre per i rossoneri, Raiola curava anche gli interessi di Alessio Romagnoli e Zlatan Ibrahimović (entrambi in scadenza quest'anno). 

Mino Raiola morto, la conferma della famiglia

Giovedì 28 aprile la famiglia aveva smentito la morte del famoso procuratore di calcio. Anche Alberto Zangrillo, primario dell'Unità Operativa di Anestesia e Rianimazione del San Raffaele, dove Mino Raiola era ricoverato, aveva smentito, indignato, la notizia del decesso. "Sono indignato dalle telefonate di pseudo giornalisti che speculano sulla vita di un uomo che sta combattendo", aveva affermato Zangrillo.

Nella giornata di sabato 30 aprile, però, è arrivata la notizia che tutti temevamo. A rendere nota la morte di Raiola, questa volta, è stata anche la famiglia. 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x