Mercoledì, 27 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Kiko: "Green Pass? Controlli puntuali sui dipendenti. No a tamponi gratis: non vaccinati paghino"

L'ad di Kiko su La7 ha parlato di Green Pass e tamponi: “I non vaccinati paghino le spese delle loro decisioni". I social insorgono per boicottare il brand

13 Ottobre 2021

Kiko: "Green Pass? Lo chiederemo a tutti i dipendenti". I social insorgono e boicottano il brand

Fonte: kikocosmetics

Kiko: "Green Pass? Lo chiederemo a tutti i dipendenti". E sui tamponi gratis per i dipendenti non vaccinati? "No, l’azienda e la collettività non devono assumersi questo costo”. È questa la decisa posizione di Cristina Scocchia, AD di Kiko Cosmetics. Le parole dell'imprenditrice hanno scatenato la risposta dei social: tra chi l'applaude e chi la critica l'hashtag #Kiko è in pochissimo tempo salito in vetta alla classifica dei trend italiani. 

Kiko: green pass e tamponi gratis ai dipendenti

È ormai da mesi in atto la guerra sul Green Pass. Guerra che sta interessando tutta la penisola e che interessa tutte le categorie di lavoratori. L'approssimarsi del 15 ottobre, data in cui sarà obbligatoriamente richiesto a tutti i lavoratori, fa emergere i contrasti in modo più deciso. Chi fino ad ora ha rifiutato le somministrazioni di vaccino, dovrà ricorrere a tre tamponi settimanali per poter lavorare sia in ufficio che da casa. Le aziende iniziano a schierarsi, alcune in difesa del certificato verde e contro chi decide di non vaccinarsi, altre sostenendo i costi dei tamponi per i propri lavoratori, che, per motivi personali, decidono di sottoporti alla somministrazione. 

L’azienda di cosmetici Kiko, tramite l’Amministratrice delegata Cristina Scocchia, intervistata durante la trasmissione televisiva Otto e Mezzo, ha dichiarato: "Chi decide di non vaccinarsi deve pagare le spese di questa decisione. E non deve essere né l’azienda né la collettività ad assumersi questo costo". La questione non è "economica, ma una questione di principio. Il Green Pass e una sua corretta applicazione sono fondamentali per uscire da questa pandemia. Quindi andremo avanti per questa strada nonostante le difficoltà". E sul Green Pass: "Non faremo controlli a campione, ma controlli puntuali. Chi non ha il Green Pass dovrà tornare a casa e verrà sospeso. Io come datore di lavoro ho il dovere di garantire la salute e la sicurezza di tutti i miei dipendenti, vaccinati e non vaccinati, e oggi il modo migliore è applicare le regole del Green Pass senza tentennamenti, senza ritardi e senza sconti". 

Nell’azienda, che conta 2500 dipendenti, oltre il 15% non è ancora vaccinato. 

Kiko: su twitter le minacce all'azienda

Le parole dell'ad di Kiko hanno scatenato, com'era prevedibile, la reazione da parte degli utenti su twitter. Non solo il virologo Burioni, che ha commentato in modo positivo la scelta dell'azienda, ma anche gli utenti "comuni" hanno preso una posizione rispetto alle parole di Cristina Scocchia. In moltissimi hanno dichiarato di voler boicottare il brand e i suoi negozi accusandolo di non rispettare i diritti e le libertà individuali dei dipendenti. "Ciao Kiko, neanche più un rossetto". 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x