Sabato, 16 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Green pass obbligatorio, Brosio: "Anticostituzionale e firmerò per abolirlo"

Il conduttore: "Discrimina i non vaccinati anche sul lavoro, sembra di vivere sotto un regime dittatoriale"

21 Settembre 2021

Green pass obbligatorio, Brosio: "Anticostituzionale e firmerò per abolirlo"

RomaGrande Fratello VipGiorno 49nella foto: Paolo Brosioper gentile concessione dell’ufficio stampa Endemol Shine ItalyLapresse

"Il Green Pass" obbligatorio "è anticostituzionale e discriminatorio", afferma il noto conduttore e giornalista Paolo Brosio. Al Referendum firmerò per abolirlo. Il Green Pass discrimina i non vaccinati anche sul lavoro - aggiunge - sembra di vivere sotto un regime dittatoriale, gli atti del presidente del consiglio Draghi sono illegittimi e violano la costituzione. In nessun paese europeo c’è l’obbligatorietà a vaccinarsi, neanche in Germania e chi non si vaccina il tampone lo prende a prezzi bassissimi".

Green pass obbligatorio, Brosio: "Anticostituzionale e firmerò per abolirlo"

"In Germania - prosegue Brosio - un tampone costa 0,75 centesimi di euro e da noi 15 euro. Uno che guadagna 1.200 euro come fa ad andare a lavorare? Così si mettono le famiglie sul lastrico! Alla sinistra, che è al potere, non interessano più i diritti degli operai o della povera gente che non vuole vaccinarsi? Anche i non vaccinati pagano le tasse, è folle. L'obbligo di Green Pass va contro la Costituzione italiana e contro le direttiva comunitaria europea che dice che non si può discriminare chi non vuole vaccinarsi", ribadisce Paolo Brosio.

Il giornalista ha anche spiegato di non essere contrario al vaccino ma "all’obbligatorietà del vaccino a tutta la popolazione italiana - spiega - soprattutto ai più piccolini perché è stato dimostrato che i bambini hanno un’immunità naturale. Il vaccino è uno strumento importante per contrastare il virus ma non è lo strumento più importante e più attendibile perché in questi mesi è stato dimostrato che non dà un'immunità assoluta". "Pure i vaccinati dovrebbero fare i tamponi - ha proseguito Brosio - perché anche loro possono trasmettere il virus e molti di loro sono finiti anche in terapia intensiva. Il vaccino contribuisce a contrastare il virus ma non è efficace come si era detto all’inizio. Il vaccino non è la soluzione di tutti i mali. Se c’è un 15 o 20 per cento di popolazione che non vuole fare il vaccino, che sta in casa e va tamponata al lavoro quale è il problema?".

E ancora: "Se c’è l'Azitromicina è il Cortisone o l’Eparina che funzionano contro il Covid perché non puntare sulle cure domiciliari precoci? Chi si è curato in tempo non è finito in terapia intensiva. Io ad esempio quando ho avuto il Covid sono stata curato in tempo con i farmaci e sono guarito". Alla domanda se si vaccinerà o no Brosio risponde: "Io ho avuto il Covid e sono immune naturalmente perché dovrei vaccinarmi? Basta con questa storia del vaccino a tutti i costi".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x