Lunedì, 27 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Vaccini 12-17 anni: via libera dell'Aifa a Moderna

Il Cts approva l'utilizzo del vaccino a mRna anche nella fascia d'età più giovane

28 Luglio 2021

Vaccini 12-17 anni: via libera dell'Aifa a Moderna

Arriva il via libera dell'Aifa al vaccino Moderna anche per i giovani della fascia 12-17 anni. Lo annuncia la Cts dell'ente dell'Agenzia italiana per il farmaco nella giornata di mercoledì 28 luglio, mentre si spinge per velocizzare le immunizzazioni tra i più giovani in vista del nuovo anno scolastico.

"La Commissione tecnico scientifica (Cts) di Aifa ha approvato l’estensione di indicazione di utilizzo del vaccino Spikevax (Moderna) per la fascia di età tra i 12 e i 17 anni, accogliendo pienamente il parere espresso dall’Agenzia europea per i medicinali (Ema)", comunica l'agenzia in una nota. Via dunque alle inoculazioni anche con Moderna, il secondo vaccino approvato per i più giovani dopo Pfizer.

Vaccini 12-17 anni: via libera dell'Aifa a Moderna

L'Agenzia italiana del farmaco ha approvato l’utilizzo del vaccino Spikevax (Moderna) per la fascia di età 12-17 anni e, come afferma la Cts in una nota: "i dati disponibili dimostrano l’efficacia e la sicurezza del vaccino anche per i soggetti compresi in questa fascia di età". Ma ora restano da convincere i genitori, che sono molto più cauti quando si parla di tutelare la salute dei figli. La comunità scientifica è a favore, in quanto un rischio del ritorno alla dad per il terzo anno consecutivo potrebbe avere effetti devastanti sulla psiche dei più fragili.

Ma come funziona il vaccino Covid19 Moderna mRNA -1273? Questo siero contiene le molecole di RNA messaggero (mRNA) con le indicazioni per costruire le proteine Spike del virus Sars-Cov-2. All’interno del vaccino, le molecole di mRNA sono protette da una microscopica vescicola lipidica: una “bollicina” che impedisce il rapido degradamento dell’RNA (come solitamente accade) e la sua distruzione da parte del sistema immunitario in quanto componente estraneo all’organismo, così che possa entrare nelle cellule. Dopo l’iniezione del vaccino, l’mRNA viene assorbito nel citoplasma delle cellule e inizia la sintesi delle proteine Spike. Queste ultime stimolano la produzione di anticorpi specifici da parte del sistema immunitario.

Moderna 12-17 anni, come funziona

Con il vaccino Moderna si introduce nelle cellule dell’organismo l’informazione genetica fondamentale alla cellula per costruire copie della proteina Spike e non si introduce il virus vero e proprio: pertanto il vaccino non può in alcun modo provocare Covid19 nella persona vaccinata. Con la vaccinazione inoltre si attivano le cellule T che preparano il sistema immunitario a rispondere a eventuali ulteriori esposizioni al virus SARS-CoV-2: se il vaccinato in futuro dovesse entrare in contatto con il virus, il suo sistema immunitario ne avrà memoria, lo riconoscerà e si attiverà per combatterlo, impedendo alle proteine Spike l’ingresso all’interno delle cellule. Una volta terminato il proprio lavoro, pochi giorni dopo la vaccinazione l’mRNA del vaccino si degrada naturalmente: non c’è quindi alcun rischio che entri nel nucleo delle cellule e ne modifichi il Dna.

Gli studi sui vaccini per prevenire Covid19 sono iniziati nella primavera del 2020 e sono durati molto meno rispetto ai tempi normali di verifica. Ciononostante si è arrivati all’autorizzazione del vaccino dopo il regolare e consueto svolgimento di tutte le fasi normalmente previste, e ha preso parte alla sperimentazione un numero molto più alto di volontari: dieci volte superiore agli standard degli studi analoghi per lo sviluppo dei vaccini. È stato così realizzato uno studio di grandi dimensioni, sufficienti per dimostrare efficacia e sicurezza del vaccino.

tempi brevi sono dovuti alle ricerche condotte da molti anni sui vaccini a RNA messaggero, al grande sforzo in termini di risorse umane ed economiche messe a disposizione in tempi rapidissimi e alla valutazione delle agenzie regolatorie dei risultati ottenuti man mano che questi venivano prodotti e non a conclusione di tutti gli studi, come si è soliti fare. Questo tipo di misure hanno permesso di risparmiare anni sui tempi di approvazione.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x