Giovedì, 23 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Giuseppe De Donno morto: chi era il medico che curava il Covid con il plasma

Aveva 54 anni. Ancora ignote le circostanza del suicidio

28 Luglio 2021

Giuseppe De Donno morto: chi era il medico che curava il Covid con il plasma

Giuseppe De Donno è morto nel pomeriggio di martedì 27 luglio, e ancora non si capisce perché. Il medico era diventato un nome noto nel panorama scientifico in quanto curava il Covid con il plasma iperimmune. Questa iniziativa aveva aperto la strada della ricerca intorno alle potenziali cure contro il Sars-Cov-2 e il medico aveva grandi ambizioni in merito.

Giuseppe De Donno morto: chi era il medico che curava il Covid con il plasma

Giuseppe De Donno è stato primario di pneumologia dell'ospedale Carlo Poma di Mantova ed era stato il primo nel 2020 a iniziare la cura del Covid con le trasfusioni di plasma iperimmune, la controversa terapia che prevedeva l'infusione di sangue di contagiati dal coronavirus, opportunamente trattato, in altri pazienti infetti. All’inizio di giugno si era dimesso dall‘ospedale di Mantova per cominciare, il 5 luglio, la nuova professione di medico di base a Porto Mantovano.

Ancora non sono chiare le circostanze del suicidio e del ritrovamento del corpo, che sarebbe avvenuto da parte di alcuni parenti nel tardo pomeriggio di martedì 27 luglio. L'ex primario abitava a Curtatone con la moglie e una figlia. Tantissimi i messaggi di cordoglio da parte di cittadini e colleghi sconvolti per la scomparsa, che hanno ricordato De Donno per aver "salvato molte vite" con la sua terapia.

In una sua intervista del maggio 2020 De Donno aveva definito la cura del suo team "un’arma magica che ci consente di salvare più vite possibili". Allo stesso tempo però il professore aveva spiegato di non volersi arrogare alcun merito per la scoperta, parlando di un perfezionamento di un’idea "che già esisteva". "Il nostro protocollo è ambiziosissimo", raccontava De Donno, rivelando che già a maggio 2020 oltre 80 pazienti erano stati trattati con la plasmaterapia, ottenendo risultati incoraggianti.

Tanti anche i messaggi dalla politica: "Non ci volevo credere. Perdiamo una bella persona, un grande medico, che durante il Covid ha lottato come un leone per salvare centinaia di vite, spesso contro tutto e tutti. Buon viaggio Giuseppe, lasci un vuoto grande", ha commentato il leader della Lega, Matteo Salvini.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x