Venerdì, 30 Settembre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Milano, la catena di pasticceria abolisce il pagamento in contanti

Il marchio Baunilla, con quattro punti vendita nel capoluogo lombardo, diventa cashless e chissà cosa penseranno i clienti

Di Massimo De Angelis

12 Settembre 2022

Milano, la catena di pasticceria abolisce il pagamento in contanti

Vietato pagare in contanti. Succede alla pasticceria Baunilla, una ‘dolce’ catena con diversi punti vendita a Milano in Brera, centro storico, Porta Nuova e corso Italia. Dal mese di settembre i negozi con questo marchio diventano totalmente 'cashless' e ogni transazione, quindi, dalla colazione con cappuccino e croissant, alla pausa caffè e ancora all’acquisto di torte, monoporzioni e mignon, potrà essere effettuata con l’utilizzo esclusivo di carte di credito, bancomat o App di pagamento come Satispay. “Milano è una città che ha ben accolto il cambiamento e le evoluzioni nei pagamenti digitali; sia le attività che gli imprenditori stessi della ristorazione non possono restarne indifferenti” afferma Vittorio Borgia, founder e CEO di Baunilla e Bioesserì, “L’abolizione dei pagamenti in contante nelle nostre pasticcerie è un primo passo verso la completa digitalizzazione del brand e siamo fieri di essere il primo gruppo, nell’ambito della ristorazione, ad aver fatto questa scelta. La stessa ci permetterà di garantire sempre maggiore efficienza, sicurezza, trasparenza e velocità ai nostri clienti già abituati a utilizzare sistemi e piattaforme che non prevedono l’utilizzo fisico di moneta. È questo l’approccio che vogliamo tenere per l’espansione del brand, in Italia e poi all’estero, da qui ai prossimi tre anni’. Vedremo come reagirà la clientela, anche se nei primi giorni il pubblico si è diviso: da una parte i 'tecnologici' favorevoli e dall'altra invece le lamentele di chi invoca il ripristino delle banconote cartacee …..

 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x