Sabato, 21 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Fondazione Francesca Rava, Arisa in concerto al Teatro Lirico di Milano per gli ospedali ucraini

La cantante Arisa: "Onorata di poter contribuire nel mio piccolo ad alleviare gli effetti di una guerra così spietata e insensata. Spero che gli ospedali possano, con il nostro contributo, salvare quanti più bambini possibili e che la Fondazione Rava - che ringrazio per questa grande opportunità - possa accogliere quante più famiglie in fuga"

Di Daniela Brucalossi

04 Aprile 2022

Arisa ha fatto emozionare il pubblico del Teatro Lirico di Milano con un concerto di beneficenza per gli ospedali ucraini in favore della Fondazione Francesca Rava NPH Italia Onlus.

Nella performance piano e voce, Arisa è stata accompagnata da Giuseppe Barbera. Un viaggio musicale tra i suoi successi di sempre - come La notte e Sincerità - e quelli più recenti del suo ultimo disco Ero romantica, eseguiti dal vivo per la prima volta. Arisa è da anni al fianco della Fondazione Francesca Rava come volontaria in prima linea e testimonial: con i bambini della Casa NPH in Haiti ha registrato l'intenso brano Voce per Haiti.

Tra il pubblico anche importanti testimonial e volontari come l'influencer Giulia Salemi e il fidanzato Pierpaolo Pratelli, noto personaggio televisivo. La coppia ha raccontato dal palco la loro esperienza di volontariato in favore dell'Ucraina: la raccolta fondi social e l'aiuto sul campo insieme a Fondazione Rava per imballare i beni di prima necessità da spediare dove ce n'è più bisogno.

"Sono davvero felice di potere contribuire nel mio piccolo ad alleviare gli effetti di una guerra così spietata e insensata, dove i civili vengono bersagliati senza pietà e a farne le spese sono spesso i bambini e le persone più deboli”, ha detto Arisa dal palco. "Spero che gli ospedali possano, con il nostro contributo, salvare quanti più bambini possibili e che la fondazione Rava - che ringrazio per questa grande opportunità - possa accogliere quante più famiglie in fuga".

"Sono profondamente grata ad Arisa per essere ancora una volta vicina alla Fondazione Francesca Rava con la sua straordinaria sensibilità. Così come avvenuto in Haiti, in Messico e successivamente nelle zone del Centro Italia duramente colpite dal sisma del 2016 e nell’emergenza Covid-19", ha commentato Mariavittoria Rava, Presidente Fondazione Francesca Rava N.P.H. Italia Onlus. "Ed oggi è nuovamente accanto a noi, in prima linea, per sostenere il nostro impegno altrettanto urgente in difesa dei bambini colpiti dalla tragedia di questa guerra. La Fondazione Francesca Rava si è tempestivamente attivata per rispondere concretamente alle esigenze degli ospedali ucraini e nell’accoglienza delle famiglie scappate dalla guerra. Grazie alla generosità di Arisa e a questo bellissimo evento, riusciremo ad  aiutare ulteriormente gli ospedali ucraini e a continuare a salvare tante piccole vite".

Fondazione Rava, la Presidente Rava: "Inviati in Ucraina materiali per chirurgie salvavita e accolte famiglie in Italia"

Fondazione Rava, la Presidente Rava: "Inviati in Ucraina materiali per chirurgie salvavita e accolte famiglie in Italia"

Mariavittoria Rava a Il Giornale d'Italia:

"Dai primi bombardamenti in Ucraina il 24 febbraio scorso la Fondazione ha lavorato per mandare convogli carichi di materiali di prima necessità e materiali medici per le chirurgie salvavita. Molti ospedali sono stati distrutti e molti altri sono rimasti fuori stock. In prima linea è presente un nostro volontario, un chirurgo pediatra primario dell'ospedale di Chernivtsi".

"Mentre qui in Italia Fondazione Rava si sta dedicando all'accoglienza delle famiglie che arrivano purtroppo spezzate da questa guerra, lasciando indietro tutto che avevano costruito nella loro vita e cercando di ritrovare speranza".

"Tanti italiani hanno risposto con generosità e il ruolo della comunità internazionale è stato sicuramente quello di accendere l'attenzione su questa difficile situazione".

Rava ha poi commentato le polemiche di alcuni politici della destra italiana, che insistono sulla maggiore necessità di aiutare i profughi ucraini piuttosto che altri provenienti da Africa e Medio Oriente:

"Sono vent'anni che la Fondazione Rava si occupa degli ultimi tra gli ultimi e non abbiamo mai smesso di farlo, raddoppiando il nostro lavoro anche durante questa emergenza. L'importante è fare, non bisogna rifugiarsi dietro queste polemiche politiche. A me è stato insegnato che bisogna agire, mettersi in gioco e farsi un esame di coscenza e dare una mano a chi non è fortunato come noi in qualunque luogo della terra".

Giulia Salemi: "Il mio regalo di compleanno? Una raccolta fondi social per mandare un ecografo in Ucraina"

Giulia Salemi: "Il mio regalo di compleanno? Una raccolta fondi social per mandare un ecografo in Ucraina"

L'influencer Giulia Salemi, testimonial di Fondazione Rava, a Il Giornale d'Italia:

"Io conosco Fondazione Rava, la sua professionalità e il suo impegno da tanto tempo e sono felice di esserne testimonial. Quest'anno, come l'anno scorso, in occasione del mio compleanno ho voluto riproporre la stessa iniziativa: ho chiesto a parenti, amici e followers, invece di regali materiali, di donare qualcosa per l'Ucraina".

"Siamo impegnati in una raccolta fondi - con l'obiettivo di raggiungere 21mila euro - per comprare un ecografo da mandare in Ucraina. Stasera io e Pierpaolo siamo qui per chiedere a tutti di aderire: è un piccolo gesto che fa la differenza. Durante lo spettacolo abbiamo raggiunto 11mila euro, solo tramite la diretta Instagram. Sono veramente contenta perché vedo una grande partecipazione da parte delle persone".

"Io nasco sui social: è normale ed è giusto usarli in maniera leggera. Ma quando possono essere un tramite per fare qualcosa di reale, concreto e utile al prossimo acquisiscono ancora più valore. Noi che abbiamo la fortuna di essere seguiti, dobbiamo spingere i nostri followers a compiere questi piccoli gesti che - seppur piccoli - cambiano la vita ad altre persone".

(Articolo in aggiornamento)

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x