Martedì, 04 Ottobre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Ferrari Trento celebra 120 anni di storia dalla fondazione della Cantina

Villa Margon è stata la sede dei festeggiamenti, per l'occasione Poste Italiane ha dedicato un francobollo celebrativo

07 Luglio 2022

Ferrari Trento ha celebrato i 120 anni dalla fondazione della Cantina riunendo nella cinquecentesca Villa Margon da poco rinnovata, proprio come in una grande festa di famiglia, le molte persone vicine all’azienda e che hanno contribuito al suo successo, a partire dai collaboratori fino alle autorità e ai tanti amici imprenditori, sportivi, chef e sommelier.
I due giorni di festeggiamenti, il 6 e 7 luglio, sono stati l’occasione per l’annullo del francobollo celebrativo che Poste Italiane e il Ministero dello Sviluppo Economico hanno voluto dedicare a questo significativo anniversario. Il francobollo, che rientra nella serie tematica “le eccellenze del sistema produttivo ed economico”, sarà stampato in 500.000 esemplari e verrà distribuito a livello nazionale per tre mesi, al termine dei quali entrerà a far parte del Museo di Poste Italiane.

Presente per la celebrazione dei 120 anni di Ferrari Trento la famiglia Lunelli: Marcello, Camilla, Matteo, Simone Masè e Alessandro Lunelli. Tra gli ospiti anche il Sindaco di Milano Beppe Sala, Carolina Kostner, Federica Pellegrini. Presente anche i cantanti Fabio Rovazzi e Rocco Hunt con la moglie Ada, Tomaso Trussardi, Matteo Giunta, Andrea e Sandra Berton, Alberto Santini, Federico Quaranta, Carlo Vanzini, Michele Mainardi, Andrea Marchesi, Arturo Artom, Silvia e Cristiano Fiorio e molti altri. Ai fornelli i famosi chef Chicco Cerea ed Edoardo Fumagalli.

Cantine Ferrari, Matteo Bruno Lunelli: "Una storia di tradizione costellata di successi, ricordi e passione"

VIDEO -  Cantine Ferrari, Matteo Bruno Lunelli: "Una storia di tradizione costellata di successi, ricordi e passione"

Matteo Bruno Lunelli, Presidente e Amministratore Delegato delle Cantine Ferrari ha affermato:

"Celebriamo questo anniversario orgogliosi di questa storia di tradizione costellata di successi ma anche riconoscenti verso chi ci ha preceduto e per chi sta scrivendo i capitoli nuovi della storia di Ferrari. Celebriamo questo anniversario però soprattutto con uno sguardo rivolto al futuro. Abbiamo delle radici solide radicate sul territorio ma siamo un’azienda che vuole ancora crescere e pensa di avere tante cose da raccontare.

Sono stati 120 straordinari, ricche di sfide: siamo passati tra le guerre mondiali e di recente dalla pandemia. Tanti ricordi e passione. Tutto è iniziato dal sogno di Giulio Ferrari. Fu lui a intuire la vocazione di questo territiorio per la creazione di bollicine di eccellenza.."

Le Origini di Ferrari Trento

Certamente molto è cambiato da quel lontano 1902 in cui Giulio Ferrari decise di avviare una piccola cantina ad alcuni passi dal Duomo di Trento per produrre poche, selezionatissime bottiglie. Quel che è rimasto immutato da allora è la continua ricerca dell’eccellenza, insieme allo spirito innovatore, all’attenzione alle persone e al fortissimo legame con il territorio trentino.
Valori che hanno sempre guidato la visione imprenditoriale della famiglia Lunelli, giunta alla terza generazione, che festeggia quest’anno 70 anni al timone dell’azienda: una visione per cui l’impresa non si limita alla creazione di valore per gli azionisti, ma deve generare anche benessere, sicurezza e bellezza per chi vi lavora e per la comunità che la ospita.
Da questa convinzione ha avuto origine il lungo impegno sul fronte della sostenibilità ambientale e sociale di Ferrari Trento, che non a caso proprio quest’anno ha ottenuto la certificazione di Carbon Neutrality. La riduzione a zero dell’impatto climatico delle emissioni dirette, e in parte anche indirette, della cantina è stato un altro importante traguardo dopo la certificazione biologica e “biodiversity friend” di tutti i vigneti di proprietà.
Al territorio trentino e alle sue montagne è legata l’identità di Ferrari, che si fa ambasciatore di questi luoghi anche valorizzandone e promuovendone il patrimonio artistico. I festeggiamenti per il 120° anniversario sono stati l’occasione per presentare la rinnovata bellezza di Villa Margon, gioiello cinquecentesco immerso nei vigneti e sede di rappresentanza del Gruppo Lunelli, che negli ultimi due anni è stata oggetto di importanti interventi di ristrutturazione nonché di un attento lavoro di ricerca dal punto di vista storico e artistico.
Nei meravigliosi affreschi della Villa – che continuerà a restare aperta al pubblico - era già raffigurata l’antica vocazione di queste terre alla produzione di vino, vocazione che Giulio Ferrari ha saputo intuire e che l’azienda porta avanti con l’orgoglio di una tradizione importante ma con lo sguardo sempre rivolto al futuro. 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x