Lunedì, 03 Ottobre 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Sting a Varsavia: "La democrazia è sotto attacco. La guerra in Ucraina è basata su una menzogna" - VIDEO

Il cantante britannico in uno show nella capitale polacca, interrompe il concerto per lanciare un grido di battaglia: "Tutta l'attuale tirannia della Finanza e della Massoneria Mondiale si basa su una menzogna"

09 Agosto 2022

Il cantante Sting non le manda a dire. E prova ad uscire fuori dal coro. In un concerto dello scorso 30 luglio a Varsavia, l'artista britannico ha interrotto lo spettacolo per rilasciare delle importanti dichiarazioni: "La democrazia è sotto attacco. È sotto attacco in ogni paese del mondo. È in grave pericolo di perdersi se non la difendiamo. L'alternativa alla democrazia è un incubo... Tutta l'attuale tirannia della Finanza e della Massoneria Mondiale si basa su una menzogna. Maggiore è la tirannia, maggiore è la menzogna".


Il grido di allarme del cantante continua: "Se non si è d'accordo con questi tiranni e ti ribelli, si rischia la prigione, la tortura e la morte. Eppure è quello che dobbiamo fare, tutti noi. Bisogna proteggere il nostro diritto a dire la verità. La guerra in Ucraina è un'assurdità, basata su una bugia. Se inghiottiamo quella bugia, la bugia ci mangerà. Ma la bugia è terrorizzata dalla verità. Non dobbiamo perdere questa battaglia. Se le persone non si sveglieranno e continueranno a fingere che non stia succedendo nulla, l'umanità si troverà ad affrontare già da settembre, tempi molto duri".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Alessandro

    13 Settembre 2022 - 17:01

    Salve, purtroppo Sting non ha detto le parole che avete scritto. Non nomina finanza e massoneria mondiale. Al min. 2.02 dice "All tiranny is based on a lie" ovvero "tutte le tirannie si basano sulla bugia". Quindi il resto si legge diverso: "tiranno" è singolare, e con la frase "non si può perdere questa battaglia" si riferisce alla guerra stessa, con tanto di sventolamento di bandiera gialloblu

    Report

    Rispondi

Più visti