Venerdì, 12 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Casl Abi, Poloni: "Prima del lockdown avevamo già legittimato lo smartworking nel contratto collettivo nazionale di lavoro"

Salvatore Poloni, Il Presidente Casl Abi e Co General Manager Banco BPM, a Il Giornale d'Italia: "La digitalizzazione è un fenomeno che ha trovato previsione e contenuti nell'ambito del rinnovo del contratto"

13 Dicembre 2021

Salvatore Poloni, Presidente Casl Abi e Co General Manager Banco BPM, a Il Giornale d'Italia attesta: "Oggi c'è stata una grande occasione di ritornare ad incontrarci dopo qualche anno in cui questi eventi ci sono mancati, devo dire la verità. Questo evento organizzato dalla Fabi è servito anche per fare il punto insieme a tutti i segretari generali sulla situazione attuale ma anche sulla situazione prospettica. Noi abbiamo sottoscritto a dicembre 2019 il rinnovo del contratto collettivo nazionale di lavoro e pochi mesi dopo, a marzo, siamo andati in lockdown. Per fortuna, in quel contratto avevamo disciplinato con lungimiranza diverse cose, tra cui anche lo smartworking, di cui si è fatto poi un uso ancora più rilevante. Lo spirito che ci contraddistingue dal punto di vista delle relazioni sindacali evolute nel nostro settore è quello di saper guardare in avanti e realizzare gli strumenti che ci consentono tempo per tempo di superare tutti gli accadimenti e tutte le vicende che possono succedere".

"La digitalizzazione è un fenomeno che ha trovato previsione e contenuti nell'ambito del rinnovo del contratto. Certamente, in questo periodo si è accelerato l'uso degli strumenti digitali e ci sono molte attività gestite in banca che oggi non richiedono più la presenza fisica del cliente perché è il cliente che sceglie di operare da remoto. Su questo, sicuramente, ci sarà un coinvolgimento nei prossimi anni però non dimentichiamo che ci sono tantissime altre attività, invece, che vengono svolte dalle banche sul quale il rapporto, la risoluzione dei problemi e il dialogo con i nostri clienti è assolutamente indispensabile. E comunque, anche dietro il digitale ci sono sempre le persone che lo progettano, lo realizzano, che lo rendono fruibile per colleghi e clienti" ha concluso sul rapporto tra digitalizzazione e lavoro.

Torna all'articolo

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti