Sabato, 02 Luglio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Chi è Patrizia Reggiani oggi: dove vive, figlie, storia e omicidio del marito Gucci

Lady Gucci, soprannominata da molti come "Vedova Nera", è stata la mandante dell'omicidio dell'ex marito Maurizio Gucci: ecco chi è Patrizia Reggiani oggi, tra scandali e curiosità

16 Dicembre 2021

Chi è Patrizia Reggiani oggi: dove vive, figlie,  storia e omicidio del marito Gucci

fonte: Instagram @thehouseofgucci

Tornano oggi, dopo tanti anni dall'omicidio di Maurizio Gucci, i riflettori su Patrizia Reggiani: scopriamo chi è la "Vedova Nera", cosa fa oggi, dove vive, chi sono le figlie, gli anni nel carcere San Vittore di Milano e tante altre curiosità sul suo conto. Condannata a 26 anni di detenzione per aver pagato un killer che uccidesse suo marito, Patrizia Reggiani è da sempre una delle donne più discusse del nostro Paese. La sua è una vita fatta di lusso sfrenato, eccessi, follie ma soprattutto scandali

Patrizia Reggiani oggi

Oggi la Reggiani torna al centro dell'attenzione per il film "House of Gucci" che esce nelle sale dei cinema italiani il 16 dicembre 2021. A interpretare la donna nel film che vede la regia di Ridley Scott è Lady Gaga. Elegante e fredda, l'ex Lady Gucci in realtà non ha mai smesso di far parlare di sè. Tornata in libertà nel 2014, anche nelle recenti apparizioni la vera Patrizia Reggiani si mostra sempre lucida e balda quando è in pubblico. Le sue giornate oggi però non sono più chiaramente come quelle di una volta.

"Sono non colpevole, ma non sono innocente", aveva confessato la donna nel 2002 a Storie Maledette, storica trasmissione di Rai 3 condotta da Franca Leosini. In quegli anni si trovava nel carcere milanese di San Vittore, dove stava scontando la pena di 26 anni per aver ordinato l'uccisione dell’ex marito nel 1995. Gli anni sono poi diventati 18 anni per buona condotta e da San Vittore la Reggiani è uscita prima del previsto. Oggi è libera. 

Dove vive e figlie

Dopo il carcere l'ex signora Gucci sarebbe andata ad abitare in una lussuosa casa nel centro di Milano, dove vivrebbe da sola al momento. Con lei non ci sono più le figlie, Alessandra e Allegra, ormai diventate grandi. Le due erano nate proprio dal complicatissimo matrimonio tra Patrizia Reggiani e Maurizio Gucci, nipote di Guccio, il fondatore della maison.

Biografia

Nata il 2 dicembre 1948 a Vignola, in provincia di Modena, conosce il futuro marito negli anni '70. La sua vita cambia tutto d'un tratto: lei che non aveva mai conosciuto il padre biologico, riesce a partecipare a una lussuosissima festa e, con il suo vestito rosso fuoco, conquista il cuore di un giovane Maurizio Gucci. I due si sposano nel 1972. "Siamo la coppia più bella del mondo", dice una Reggiani innamorata. Contrario alla loro storia è, sin dagli inizi, il padre di Maurizio, Rodolfo Gucci, che vede Patrizia come una donna interessata solo ai soldi e alla fama

La storia finisce dopo 13 anni e due figlie, Alessandra e Allegra. Nel 1985 Patrizia e Maurizio si separano e si allontanano sempre di più. "Di te non ho più bisogno", sembra dire all'ormai ex moglie lo stilista e imprenditore. "Sei uomo straordinario, ma purtroppo sei come un cuscino, porti l'impronta dell’ultimo che ci si siede sopra", risponde la donna, facendo riferimento ai debiti accumulati dall'uomo negli anni. E proprio questo, secondo i giudici, è uno dei motivi principali che spinge la Reggiani a liberarsi dell'ex marito. 

Omicidio Maurizio Gucci

Sono gli anni '90 quando la signora modenese lascia un messaggio scioccante alla segretaria di Maurizio: "Sei arrivato al limite estremo di farti disprezzare dalle tue stesse figlie che non vogliono più vederti per dimenticare il trauma. Sei un’escrescenza deforme, sei un’appendice dolorosa che tutte noi vogliamo dimenticare". E poi l'accusa: "Mi hai detto che durante il periodo della falsificazione della firma di tuo padre (Rodolfo Gucci, ndr) sei passato dall’inferno, eh no, ti sbagli, mio caro Maurizio, l’inferno per te deve ancora venire". Ma queste frasi che gelano persino i giudici che le ascolteranno in fase di processo non sono le uniche pronunciate dalla donna.

"Io lo voglio morto", sembra dire in giro ad amici, parenti e conoscenti Patrizia Reggiani. "Chiede al salumiere, al fruttivendolo, al negoziante e anche allo stesso avvocato di trovarle un killer per uccidere il marito", dicono voci vicino a lei. "Lo voglio morto questo qua!", ripeterebbe la donna in continuazione, davanti alle orecchie incredule di tutti, anche di chi non la conosce bene. 

E così, il 27 marzo 1995 nella centralissima via Palestro a Milano, Maurizio Gucci viene freddato da tre colpi di pistola mentre entra nel suo ufficio. "All'inizio mi sono sentita persa", aveva commentano la donna a Franca Leosini nel programma Storie Maledette. "Ma poi ho avuto un senso di profondo sollievo, mi sono detta: 'Ah, finalmente questo qua è scomparso'". 

Chi ha ucciso davvero Maurizio Gucci?

La mandante dell'omicidio è, come stabilito anche dal Tribunale, è l'ex moglie. Ma a compiere l'omicidio dal punto di vista materiale è Benedetto Ceraulo, pizzaiolo pieno di debiti. Orazio Cicala invece è l'autista dell’assassino, mentre Ivano Savioni è l'organizzatore del delitto.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x