Mercoledì, 08 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Vaccino Covid, Roberto Speranza: "Valuteremo terza dose in base a evidenze"

"Oltre 81% over 12 vaccinati e oltre 700mila terze dosi" somministrate e 103 milioni di Green pass scaricati

20 Ottobre 2021

Vaccino Covid, Roberto Speranza: "Valuteremo terza dose in base a evidenze"

Fonte: lapresse.it

Il Ministro della Salute Roberto Speranza rilancia l'idea di una terza dose di vaccino contro il Covid se "l'evidenza scientifica e il confronto con la comunità internazionale ci porterà, passo dopo passo" a valutarla. "Eventualmente - continua -anche per altre categorie, che oggi però sono fuori da quelle indicate". In pratica, tradotto, non la finiremo mai di essere bucati "per il nostro bene" da una siringa.

Vaccino Covid, Speranza: "Valuteremo terza dose in base a evidenze"

"La terza dose - ricorda ancora il ministro - è stata autorizzata nel nostro Paese in sintonia con le indicazioni dell'Ema", l'Agenzia europea del farmaco, "prima di tutto per gli immunocompromessi. In questo caso la somministrazione deve avvenire non prima di 28 giorni" dopo la seconda "e tecnicamente per la comunità scientifica non si tratta di un vero e proprio richiamo o 'booster', ma di un completamento del ciclo di vaccinazione primaria". Le altre categorie che sono state autorizzate dalle autorità regolatorie italiane sono: gli ultra 80enni; gli ospiti delle Rsa, e questa è una valutazione figlia di una storia che conosciamo bene, di penetrazione del virus nelle Rsa; il personale sanitario a partire dai più anziani; i fragili di ogni età, oltre che gli ultra 60enni. Il richiamo per tutte queste categorie può avvenire solo dopo 6 mesi dal completamento del ciclo primario".

"La vaccinazione" anti-Covid "con la terza dose in Italia è iniziata nell'ultima decade di settembre e ad oggi risultano somministrate oltre 700mila" di queste dosi. "La terza dose rappresenta un pezzo importante della nostra strategia di contrasto al virus e proprio oggi è ancora più fortemente raccomandata nelle categorie indicate", va avanti il ministro della Salute.

Speranza ha fatto poi il punto sulla campagna vaccinale in generale: "Oggi i numeri dell'Italia sono fra i più significativi a livello europeo e globale: siamo arrivati, dati di stamattina, all'85,76% di prime dosi nella popolazione sopra i 12 anni e all'81,55% di persone che hanno completato il ciclo vaccinale sempre sopra i 12 anni". "Dobbiamo continuare su questa strada - ha concluso il ministro -. Ogni vaccino in più significa avere uno scudo più forte, soprattutto in una stagione più complicata come quella che sta arrivando, in cui le persone più facilmente vivono in ambienti chiusi e le temperature scendono".

"Il Green pass - ha continuato Speranza - rappresenta un pezzo fondamentale della strategia del Governo nella gestione di questa fase dell'epidemia. E' uno strumento che ormai gli italiani hanno imparato a conoscere ed è anche utilizzato in modo consistente, se si considera che a stamattina sono circa 103 milioni i Green pass che sono stati scaricati nelle tre fattispecie, cioè vaccinati, persone che hanno contratto il Covid e persone che hanno avuto un test negativo".

Green pass, Roberto Speranza: "Rende più sicuri i luoghi dove si utilizza"

Roberto Speranza ha anche parlato del Green pass, affermando che "è uno strumento importante perché rende più sicuri i luoghi dove si utilizza". Ma "ha anche sicuramente prodotto un effetto importante di natura incentivante sulla nostra campagna di vaccinazione". Sui tamponi, continua il ministro, "voglio ricordare che il commissario Figliuolo ha stipulato un'intesa importante con le farmacie del nostro Paese, che voglio ringraziare per il lavoro straordinario che stanno facendo proprio in queste settimane", e "questa intesa ha consentito di calmierare il costo dei tamponi. Voglio anche ricordare che il vaccino è gratuito e disponibile per tutti. In questo momento con un test molecolare si ha già la possibilità di avere un Green pass per 72 ore, mentre con un test antigenico è di 48 ore. Sono valutazione figlie di un confronto con la comunità scientifica e io credo che sia particolarmente corretto, su materie così tecniche, un confronto sempre serrato con i nostri scienziati".

"L'auspicio del Governo - conclude il ministro Roberto Speranza - è che la percentuale dei vaccinati possa ancora continuare a crescere. In conclusione, voglio ribadire che il vaccino è la vera chiave fondamentale per chiudere questa stagione e aprirne una diversa".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x