Mercoledì, 27 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Vaccino Covid, arriva esenzione per chi ha patologie specifiche: quali sono

La circolare del Ministero della Salute: in cosa consiste e fino a quando è valida

05 Agosto 2021

Vaccino Covid, arriva esenzione per chi ha patologie specifiche: quali sono

Fonte: lapresse.it

É arrivata ufficialmente ieri, mercoledì 4 agosto 2021, in tarda serata, la tanto attesa circolare del Ministero della Salute che autorizza l'esenzione dal vaccino contro il Coronavirus per i soggetti che soffrono di patologie specifiche. Da oggi dunque, coloro che non hanno potuto farsi somministrare il farmaco anti Covid - temporaneamente o definitivamente - sono riconosciuti e giustamente esentati dal vaccino. 

Vaccino Covid, arriva l'esenzione per chi ha patologie specifiche: quali sono

L'esenzione - si legge dalla nota del Ministero della Salute - "viene rilasciata nel caso in cui la somministrazione venga omessa o differita per la presenza di specifiche condizioni cliniche documentate, che la controindichino in maniera permanente o temporanea". In ogni caso però - precisano gli esperti "le persone che ottengono una esenzione alla vaccinazione devono essere adeguatamente informate sulla necessità di continuare a mantenere le misure di prevenzione", come l'utilizzo delle mascherine, il distanziamento interpersonale, l'uso frequente del gel igienizzante e infine la regola di evitare assembramenti.

Salvo diverse disposizioni, il documento rilasciato dal Ministero sarà valido fino al prossimo 30 settembre. "Le certificazioni di esenzione alla vaccinazione Covid - si legge nella circolare - potranno essere rilasciate in formato cartaceo e potranno avere una validità massima fino al 30 settembre 2021, salvo ulteriori disposizioni". La durata di validità, "sulla base delle valutazioni cliniche, verrà aggiornata quando sarà avviato il sistema nazionale per l'emissione digitale delle stesse per consentirne la verifica digitale".

Ma chi può richiedere allora tale esenzione? Innanzitutto chi ha avuto problemi di salute tra la prima e la seconda dose (come una reazione allergica al vaccino). In secondo luogo il documento può essere chiesto anche da quei pazienti di soffrono di malattie specifiche e che hanno avuto il parere negativo del proprio medico curante. Allo stesso modo possono usufruire dell'esenzione "i malati rari e cronici che, per via della loro patologia, non hanno la possibilità di accedere alla vaccinazione", si legge ancora nella circolare del Ministero della Salute.

Intanto, mentre in Italia arriva finalmente questa circolare, continua a far discutere non poco il caso Reithera: rimangono ancora esclusi dalla possibilità di scaricare il Green pass un migliaio di volontari della sperimentazione di tale vaccino che, secondo quanto stabilito ad ora dal Governo, non sono ancora stati immunizzati. L'ipotesi è che comunque, nei prossimi giorni, il Ministero della Salute provveda anche a loro, emanando una circolare ad hoc.

"Sapevamo che fare da 'cavie' avrebbe potuto comportare determinate situazioni- racconta Riccardo Illy, imprenditore volontario per la sperimentazione del vaccino italiano - ma siamo delusi e avviliti per l'atteggiamento del governo nei confronti dell'azienda ReiThera: ha sviluppato un vaccino che funziona e con poche controindicazioni ma non riesce a ottenere finanziamenti pubblici", ha concluso. 

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x