Lunedì, 14 Giugno 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Green Pass Covid, c'è il via libera dall'Unione europea: cosa cambia da luglio

Il Parlamento Europeo ha approvato il regolamento per l'istituzione del Green Pass. Entrerà in vigore il primo luglio

09 Giugno 2021

Green Pass Covid, c'è il via libera dall'Unione europea: cosa cambia da luglio

Fonte: twitter

Arriva dal Parlamento Europeo il via libera per l'istituzione del Green Pass, il certificato digitale Covid dell'Unione Europea. Il Pass sarà rilasciato a chi ha completato il ciclo di vaccinazioni anti-Covid (entrambe le dosi o una sola, a seconda del vaccino, e comunque a partire da 14 giorni dopo l'ultima dose), per chi è guarito di recente dal Covid (in questo caso bisognerà fare riferimento all'ultimo tampone positivo e contare 180 giorni dopo l'undicesimo giorno di guarigione) e per chi presenta risultati negativi dopo essersi sottoposti al tampone (con validità di 48 ore per il tampone rapido e 72 ore per il molecolare).

Green pass Covid, viaggi in sicurezza a partire dal primo luglio

Viaggi in libertà all'interno dell'Ue senza bisogno di quarantena o test per chi ha ottenuto il Green Pass. Il Parlamento Europeo nella figura del presidente David Sassoli ha annunciato che il certificato digitale entrerà in vigore a partire dal 1 luglio 2021.

Come per ogni regolamento all'interno dell'Ue, gli stati membri hanno la facoltà di decidere come applicarlo. La piattaforma informatica Ue che ha reso possibile il pass, il Gateway, è in funzione già da mercoledì 9 giugno. Gli stati dell'Ue che vogliono portarsi avanti per consentirne l'utilizzo ai propri cittadini hanno il diritto di utilizzare la piattaforma Gateway da subito. La validità del pass per i viaggi a livello europeo rimane comunque a partire il 1 luglio.

Green pass europeo, arriva digitale e cartaceo

Il Green Pass sarà rilasciato in formato digitale o cartaceo. Un codice QR personale attesterà l'avvenuta vaccinazione o la guarigione dal Covid e sarà rilasciato gratuitamente dalle istituzioni locali. Rimane l'obbligo di pagamento per i tamponi, ma il rilascio del Green Pass è garantito. Il certificato digitale Covid non costituisce un documento di viaggio, e non implica la libera circolazione.

I viaggiatori dovranno dunque attenersi alle misure restrittive ancora in vigore in diversi stati membri. Per quanto riguarda il coprifuoco, per esempio, in Francia è ancora presente il rientro a casa per le 23, in Grecia per mezzanotte e mezza, in Germania per le 22. Nessuna limitazione in Spagna, Portogallo e Austria, mentre l'Italia festeggia l'allentamento delle restrizioni e il nuovo coprifuoco alla cenerentola.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti