Sabato, 27 Novembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Elezioni amministrative: Milano, Napoli e Bologna vincono al primo turno con il Csx

Roma e Torino si avviano al ballottaggio, mentre la Regione Calabria passa in un colpo al Centrodestra

05 Ottobre 2021

Elezioni amministrative: Milano, Napoli e Bologna vincono al primo turno con il Csx

Un finale in gloria, quello collezionato dall'ala delle liste Csx di Milano, Napoli e Bologna, che vincono al primo turno le elezioni amministrative del 2021. Un successo per alcuni inaspettato, che già sembra sollevare venti di guerra nelle principali città italiane e dimostra una rimonta che in Parlamento non era scontata.

Roma e Torino al ballottaggio

Le elezioni amministrative per il 2021 si sono concluse dopo lo spoglio dei voti di lunedì 4 ottobre. A Bologna Matteo Lepore incassa un abbondante 62,20%, così come i voti per il secondo mandato del sindaco di Milano Beppe Sala non lasciano spazio a dubbi.

I risultati non erano scontati a Torino e Roma, dove si corre al ballottaggio. Le due roccaforti del Movimento 5 stelle incassano un duro colpo, con il capoluogo piemontese che nemmeno arriva a portare la sostituta della sindaca uscente Chiara Appendino in finale. 

Più incerto l'andamento su Roma, dove Roberto Gualtieri si qualifica sì per il secondo turno ma ben dietro il candidato del centrodestra Enrico Michetti e distanziando di pochi punti la sindaca uscente Virginia Raggi. Anche qui, comunque, se i voti di Raggi e Calenda confluissero su Gualtieri il centrosinistra non avrebbe problemi al ballottaggio.

Elezioni comunali, trionfa il Pd e fallisce Salvini

Al test delle urne il Pd è arrivato pronto come nessun altro, grazie alla cura del segretario Enrico Letta (e Draghi) ma soprattutto grazie ai continui harakiri di un centrodestra che nella campagna elettorale è apparso quasi in decomposizione. Matteo Salvini sembra il principale responsabile della sconfitta del centrodestra, quantomeno indica proprio in lui l'assist man della vittoria Beppe Sala, sindaco di Milano confermato con grande facilità alla guida del capoluogo lombardo. Lo stesso Salvini ha ammesso il flop, parlando di candidati "scelti e presentati troppo tardi". 

Elezioni, il centrodestra si salva solo in Calabria e a Trieste coi candidati di Berlusconi

Il centrodestra ha segnato solo un gol della bandiera. Alle Regionali in Calabria ha infatti vinto Sarà Roberto Occhiuto, che prenderà il posto che fu di Jole Santelli. Soddisfazione seppur incompleta anche da Trieste, dove Roberto Dipiazza sfiora la vittoria al primo turno nella sfida con Francesco Russo del Pd. Senza farcela, però, tanto che nessun capoluogo di regione è stato vinto dal centrodestra al primo turno in questa tornata elettorale. Le conseguenze del voto sui partiti si faranno sentire. Nel centrodestra alza la voce l'ala governista. Sia Occhiuto sia Dipiazza, infatti, sono di Forza Italia.

Silvio Berlusconi si è differenziato dai due partner, che nei giorni scorsi ha peraltro silurato, Salvini e Meloni proponendo una linea ben più vicina al premier Draghi di loro La stessa linea proposta da Giancarlo Giorgetti, che ora passerà all'incasso nella resa dei conti interna alla Lega prevista nei prossimi giorni.

Elezioni comunali, tracollo del M5s di Conte e Grillo

Malissimo anche il Movimento Cinque Stelle di Giuseppe Conte, che non a caso ha ritardato il più possibile la presa di potere effettiva subodorando il possibile tracollo alle urne. Così è stato, e a parziale consolazione l'avvocato del popolo può dividere la responsabilità con Beppe Grillo, che in realtà ha ritardato il trasferimento di leadership all'ex premier causando qualche esitazione di troppo a una forza politica in già evidente stato confusionale.

Elezioni comunali, ora nel Pd aumenta la voglia di voto anticipato

Ora Conte dice "mai con la destra" ai ballottaggi e Letta parla di "coalizione allargata" come ricetta per vincere. La verità è però che il M5s appare in evidente ritirata e l'alleanza con il Pd lo renderebbe di fatto il junior partner della coalizione. Probabile che l'esito più che soddisfacente del voto possa aumentare la voglia di voto che qualcuno già cova dentro il Pd. In particolare la corrente che fa capo a Bettini. I colpi di scena potrebbero non essere finiti, con una situazione completamente ribaltata rispetto a qualche mese fa: centrodestra attendista e centrosinistra più volenteroso di provare la strada delle urne nazionali.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x