Mercoledì, 26 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Elezioni Comunali Torino: via con il ballottaggio. Testa a testa Damilano 39,16% - Lo Russo 43,10%

Ancora 15 giorni prima di sapere chi sarà a capo del capoluogo Piemontese

04 Ottobre 2021

Lo Russo

Elezioni Torino, avanza Lo Russo

Arriva il momento della verità per le elezioni Comunali a Torino, momento in cui inizia il conteggio dei voti attraverso exit poll e le proiezioni, di cui vi daremo dati e risultati in diretta. Nel capoluogo Piemontese viene messa alla prova la leadership della sindaca uscente, Chiara Appendino, del Movimento 5 stelle. Un clima difficile, dopo che le tensioni interne hanno portato alla rinuncia del secondo mandato e che sfidano ora il centrodestra di Paolo Damilano e il centrosinistra guidato dal dem Stefano Lo Russo. Questi per ora i due candidati favoriti, che sembrano avviarsi al ballottaggio con un distanziamento circa 3 punti percentuale, che hanno visto per un momento il centrodestra avanzare, ma un colpo di coda ora sembra vedere meglio il Centrosinistra alla guida della città.

Elezioni Comunali Torino, exit poll, proiezioni e primi risultati

Probabile ballottaggio in vista per le elezioni comunali a Torino, dove i due candidati di punta Stefano Lo Russo per il Centrosinistra e Paolo Damilano per il Centrodestra si sfidano con un testa a testa al 43,10% contro 39,16% rispettivamente. Improvviso ribaltone sul risultato: Lo Russo sorpassa all'ultimo Da Milano ma il divario tra i due schieramenti non è sufficiente a portare all'elezione definitiva al primo giorno.

A Torino si sfidano 13 candidati in tutto, di cui solo due donne. Niente bis per la sindaca uscente Chiara Appendino, che lascia un'amministrazione divisa tra sfide e programmi zoppicanti che lasciano la cittadinanza con l'amaro in bocca e speranze di rinnovo. Per il M5s ci prova quindi un'altra donna, Valentina Sganga, schierata in lista con i Verdi.

Il candidato di punta del Centrodestra è Paolo Damilano, che viene sostenuto da otto liste: Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Popolo della Famiglia, Sì Tav Sì Lavoro, Progresso Torino, Torino Città Futura e Torino Bellissima.

Schierato per il Centrosinistra troviamo invece Paolo Lo Russo, che corre con il supporto di sei liste: Partito Democratico, Moderati, Sinistra Ecologista, Articolo 1, e Torino Domani e Lista Civica per Lo Russo.

Bassa affluenza nella giornata di domenica 3 ottobre, con solo il 36% degli aventi diritto di voto presentatisi ai seggi per scegliere. L'affluenza totale delle due giornate ha raggiunto il 48%.

Elezioni comunali a Torino: le dichiarazioni

Il candidato sindaco Paolo Damilano con la chiusura della campagna elettorale rimane in silenzio stampa. L'ultima uscita pubblica risale a domenica 3 ottobre, quando ha invitato la cittadinanza a presentarsi ai seggi: "Andare a votare è lo strumento più importante che abbiamo per cambiare la città. Fatelo."

Il candidato in testa, Stefano Lo Russo, è invece rimasto attivo fino alla fine, tornando in università per un incontro con gli studenti del Politecnico di Torino. "È stato decisamente bello tornare al Politecnico di Torino e rivedere i corridoi con gli studenti. Sono fiducioso sulla ripresa che tutti attendiamo e sulla didattica non ho dubbi: in presenza è tutta un’altra cosa. Auguro a tutte e tutti - finalmente - un ritorno alla normalità e alla socialità. Ne abbiamo un gran bisogno."

Matteo Salvini in diretta su 'Rai Uno' ha denunciato una mancanza di coesione nel Centrodestra che ha fiaccato la campagna elettorale, perdendo colpi in un'Italia devastata dalla pandemia. "Serve più contatto con le persone", ha detto il leader della Lega commentando lo smacco che le liste appoggiate dal Carroccio stanno subendo tanto al Nord quanto in Centro-Sud Italia. "Dobbiamo partire da qui per portare avanti modelli diversi e far capire che noi sappiamo agire concretamente, sul territorio, e non solo cono le belle parole della sinistra che vende fumo."

"Nessun apparentamento l'abbiamo detto fin dal primo turno, non ci sono esigenze di fare apparentamenti, ma soprattutto abbiamo una cosa che si chiama coerenza e in politica credo sia molto importante", ha commentato Lo Russo alla fine della giornata elettorale. "Abbiamo costruito un programma che crediamo credibile anche per gli elettori che al primo turno hanno votato altri candidati. Crediamo che sotto il profilo dei diritti, dell'ambiente e della lotta alle diseguaglianze ci siano moltissimi punti di contato con molti elettori che non ci hanno votato e che magari potrebbero votarci al secondo turno". 

"Il centrodestra al ballottaggio è un risultato storico", ha affermato invece Damilano, ammettendo comunque un risultato incoraggiante dopo cinque anni di amministrazione M5s. "La proposta della mia lista civica è stata accolta, siamo riusciti ad avvicinare i torinesi alla politica, anche se l'astensionismo è un problema enorme. Lavoreremo su questo nei prossimi quindici giorni. Ci concentreremo sulle periferie, chiedendo il loro aiuto per cambiare Torino".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x