Sabato, 22 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Rientro a scuola, Mattarella: "Dopo tante sofferenze finalmente l'Italia riparte"

Il ministro Bianchi: "É con molta gioia ed emozione che apriamo il nuovo anno scolastico, tutti a scuola, tutti in presenza. Questo non è il risultato di una routine, ma di un lavoro silenzioso"

21 Settembre 2021

Rientro a scuola, Mattarella: "Dopo tante sofferenze finalmente l'Italia riparte"

Fonte: lapresse.it

É rincominciata la scuola anche per gli studenti di Calabria e Puglia, le ultime due Regioni rimaste dopo il via della scorsa settimana, e per l'occasione il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, insieme al ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi, si è recato a Pizzo Calabro, località in provincia di Vibo Valentia, per la consueta cerimonia di inaugurazione dell'anno scolastico che si tiene nel Comune calabrese ormai da anni. Ad accogliere il Capo dello Stato e il ministro dell'Istruzione è stata la comunità scolastica dell'Istituto Omnicomprensivo. Presenti anche ragazzi e ragazze in rappresentanza delle altre scuole d'Italia. La cerimonia, trasmessa in diretta su Rai 1, è stata condotta da da Flavio Insinna e Andrea Delogu.

Scuola, Mattarella: "Giorno di speranza per l'Italia"

"Oggi è un giorno speciale, di speranza e di impegno per l'intero Paese", ha esordito nel suo discorso il Presidente Mattarella. "Quest'anno a essere speciale è l'anno che comincia. Voi tornate tutti in aula. Dopo le tante sofferenze la ripartenza delle scuole è il segno più evidente della ripartenza dell'Italia". E ancora: "Con le scuole che ripartono, si riallacciano i fili che si erano interrotti, anzitutto lo studio, ma anche le relazioni e le amicizie, e questo trasmette energia a tutta la nostra comunità Nazionale. La scuola è ossigeno della società, il suo funzionamento è specchio di quello del Paese, abbiamo una scuola di valore, grazie agli insegnanti, al personale, agli studenti, sappiamo che ci sono aspetti che vanno migliorati, soffriamo ritardi antichi, inefficienza, diseguaglianze, non mancano le capacità per superarle", ha continuato.

"Vi sono state assunzioni, aule adeguate e le istituzioni a diversi livello hanno collaborato per la riapertura delle scuole. Serve una prospettiva strategica con il Pnrr per avere una scuola più moderna. Questo è l'investimento più intelligente e proficuo. La scuola è assolutamente centrale. Servono impegni concreti, progetti adeguati, assunzioni di responsabilità", ha asserito Mattarella a Pizzo Calabro. "Ora grazie alle vaccinazioni la chiusura delle scuole non deve più accadere. L'abbandono e il disimpegno dei ragazzi è stato contenuto dagli insegnati con la generosa collaborazione dei compagni di classe. L'espressione di questa solidarietà costituisce un patrimonio prezioso". Secondo il Capo dello Stato la "scuola è un potente antivirus" anche per l'impegno dei giovani a vaccinarsi contro il Covid. "La pandemia ha reso più evidenti diseguaglianze, ha creato nuove povertà e ha ridotto opportunità. I giovani, i ragazzi e i bambini hanno pagato un prezzo molto alto, non lo dimenticheremo, come non dobbiamo dimenticare le risposte positive. Il mondo della scuola è stato un esempio di solidarietà".

E ancora: "Ci sono momenti in cui si avverte di trovarsi davanti a un bivio", di dover "cambiare passo, di andare più veloci. Celebrando i 75 anni della Repubblica ho ricordato che voi giovani siete i costruttori del futuro. Sarà un anno speciale, un anno scolastico", ha concluso. A prendere poi parola è stato il ministro Bianchi: "É con molta gioia ed emozione che apriamo il nuovo anno scolastico, tutti a scuola, tutti in presenza. Questo non è il risultato di una routine, è il risultato del lavoro silenzioso che per mesi il mondo della scuola ha fatto; la scuola non ha mai chiuso, anche nei momenti più bui aveva la porta aperta, nella scuola lavorano un milione e mezzo di persone, che hanno permesso a 10 milioni di bambini, giovani e adulti di trovare la loro comunità di vita", ha concluso infine il ministro dell'Istruzione.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x