Venerdì, 28 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Test salivari gratuiti, Salvini: “Soluzione alternativa all'obbligo vaccinale”

Il leader della Lega si fa portavoce di migliaia di italiani stufi di dover sottostare all'ennesime restrizioni volute dal Governo, pena multe salatissime. Ma arriva subito la replica di Gualtieri

26 Agosto 2021

Test salivari gratuiti, Salvini: “Soluzione alternativa all'obbligo vaccinale”

Matteo Salvini (foto Lapresse)

Matteo Salvini torna a parlare del possibile (e assurdo) obbligo al vaccino contro il Covid-19 in Italia e, ai microfoni del programma Agorà su Rai 3, propone una soluzione: i test salivari. L'alternativa - dice il segretario della Lega - c'è e sono appunto "i test salivari gratuiti". "Questa - dice il leader del Carroccio - sarà la richiesta della Lega alla riapertura del Parlamento”, prevista per il prossimo 7 settembre. 

Test salivari gratuiti, Salvini: “Soluzione alternativa all'obbligo vaccinale”

"L’obbligo vaccinale – dice Matteo Salvini – non c’è in nessun Paese europeo. Anzi, in tanti Paesi europei non esiste neanche il Green pass". Per quanto riguarda se stesso poi il leader della Lega dice: "Io ho 48 anni, mi sono vaccinato (contro il Covid, ndr) per scelta e non per costrizione". E ancora: "Gli italiani – evidenzia – al 70% si sono già vaccinati, senza obblighi e senza droni”.

Mentre sul web si diffondono le petizioni contro il vaccino obbligatorio, Matteo Salvini si fa portavoce di migliaia di italiani che sono stufi, a più di un anno e mezzo da inizio pandemia, di dover sottostare all'ennesime restrizioni volute dal Governo, pena multe salatissime. Inoltre, secondo molti italiani, il Green pass purtroppo, invece che essere uno strumento per far ripartire l'economia nel nostro Paese, è ormai diventato un obbligo mascherato al vaccino. Ecco allora che il leader della Lega propone una soluzione.

Alle parole di Salvini arriva subito però la replica di Roberto Gualtieri, candidato sindaco del centro sinistra a sindaco di Roma, che sostiene: “Sul tampone  è giusto il prezzo calmierato e la gratuità per chi non ha alternative al vaccino. É comunque una gratuità virtuale perché attraverso la Stato pagano i cittadini", continua. "La gratuità sarebbe una cosa strana perché lo Stato sovvenzionerebbe chi non si vuole vaccinare, non è pensabile. Il Governo - conclude Gualtieri - si sta muovendo in modo saggio in una situazione difficile, nessun paese ha la bacchetta magica”.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x