Martedì, 21 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Green pass, FdI: "Obbligatorio anche alla Camera". La risposta: "Contro Costituzione"

Francesco Lollobrigida: "Quello che vale fuori deve valere anche qui dentro"

05 Agosto 2021

Green pass, FdI: "Obbligatorio anche alla Camera". La risposta: "Contro Costituzione"

Fonte: lapresse.it

Green pass obbligatorio anche per entrare in Aula alla Camera dei deputati. La richiesta, arrivata poco prima del 6 agosto, quando il green pass - con nuove regole - diventerà obbligatorio per accedere a servizi e attività commerciali, come i ristoranti al chiuso, porta la firma di Fratelli d'Italia. Eppure è stata sostenuta anche da Pd e Italia viva. Il capogruppo di Fratelli d’Italia Francesco Lollobrigida ha sollevato la questione in Aula alla Camera durante la discussione generale sul decreto Pa. "Noi siamo fermamente contrari a questo modello di green pass ma noi parlamentari non vogliamo alcun privilegio: quello che vale fuori deve valere anche qui dentro. E 'qui dentro' non vuol dire solo il palazzo di Montecitorio o il ristorante della Camera, ma anche questa Aula".

La questione è stata sollevata dopo la notizia che, dal 6 agosto, il Green Pass diventerà obbligatorio pure per frequentare alcuni spazi del Parlamento. È quanto è stato stabilito mercoledì 4 agosto, durante una riunione del collegio dei Questori. La nuova norma scatterà a partire dallo stesso giorno in cui scatterà l'obbligo di presentare il certificato verde per frequentare luoghi come bar e ristoranti al chiuso per tutti i cittadini.

Green pass, richiesta di Fdi: "Obbligatorio anche alla Camera"

La proposta è stata accolta con favore dal Pd. "Penso che sia una contraddizione evidente – ha detto all’Adnkronos la deputata Pd Alessia Morani - l’Aula e le Commissioni sono i luoghi in cui i deputati passano più ore, ne trascorriamo anche 10-12 al giorno. Mi auguro che i Questori ci ripensino.” Ma si è trovato d'accordo anche Gennaro Migliore di Italia viva: "I deputati italiani siano i primi a vaccinarsi. È giusto che si garantisca una uniformità di trattamento".

Non è difficile immaginare che dietro la mossa di Fratelli d'Italia, come dietro la posizione assunta da Italia viva, ci sia un attacco velato agli esponenti 5 stelle, i quali, si sa, hanno molto spesso assunto posizioni No-vax. Ma per ora, dal M5s, tutto tace. Nessuno dei grillini, comunque, sembra particolarmente convinto a condividere la stessa sorte dei cittadini. Tutto il contrario.

Anche la Lega sembra comunque dubbiosa. A sollevare "il problema Costituzionale" - perché evidentemente per i deputati la Costituzione vale ancora, è stato Edoardo Rixi, esponente del Carroccio. "Un deputato deve essere in grado di esercitare il mandato a prescindere". "C’è la possibilità del tampone – spiega - ma in certi casi alcune persone non possono fare il tampone tutti i giorni". Rixi ha poi concluso parlando delle elezioni: "L’accesso ai seggi elettorali, a mio avviso, non può essere fatto con il green pass perché si limita la libertà di voto e di espressione".

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x