Mercoledì, 27 Ottobre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

L’'Abc' del Green pass, cosa c'è da sapere in vademecum Unc

04 Agosto 2021

L’'Abc' del Green pass, cosa c'è da sapere in vademecum Unc

Roma, 4 ago. (Adnkronos Salute)() - Dal 6 agosto il Green pass è obbligatorio e bisogna portarlo con sé per poter entrare in luoghi al chiuso, come bar o ristoranti, ma anche palestre, piscine, musei e concerti. L'Unc, Unione nazionale consumatori, ha così realizzato un vademecum su come ottenerlo. Partiamo dal nome completo: i Green pass in realtà si chiamano certificati Covid-19 e permetteranno di circolare all’interno dell’Unione europea senza particolari limitazioni. E attesteranno una delle seguenti condizioni: aver fatto la vaccinazione anti Covid-19; essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore; essere guariti dalla Covid-19 negli ultimi sei mesi.

Si tornerà quindi a viaggiare ma molti si domandano quali siano le regole da seguire per quanto riguarda la vaccinazione e l’ottenimento del pass. La certificazione verde Covid-19 viene generata in automatico e messa a disposizione gratuitamente nei seguenti casi: aver effettuato la prima dose o il vaccino monodose da almeno 15 giorni; aver completato il ciclo vaccinale; essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle 48 ore precedenti; essere guariti dalla Covid-19 nei sei mesi precedenti.

Quello che cambia è la durata, che varia a seconda della prestazione sanitaria a cui è collegata, dunque: in caso di vaccinazione, per la prima dose dei vaccini che ne richiedono due, il pass sarà generato dal 15° giorno dopo la somministrazione e avrà validità fino alla dose successiva; in caso di seconda dose o dose unica per pregressa infezione la certificazione sarà generata entro i due giorni successivi e avrà validità per 270 giorni dalla data di somministrazione; per il vaccino monodose il Green pass sarà generato dal 15° giorno dopo la somministrazione e avrà validità per 270 giorni.

Nei casi di tampone negativo il certificato Covid-19 sarà generato in poche ore e avrà validità per 48 ore dall’ora del prelievo. Nei casi di guarigione da Covid-19, sarà generato entro il giorno seguente e avrà validità di 180 giorni. Ad emettere i Green pass, sia che siano in formato digitale o in formato cartaceo, saranno i singoli stati. I dati sanitari degli utenti saranno conservati nei rispettivi paesi e non verranno trasmessi in alcun modo ad altre nazioni.

I Green pass si potranno visualizzare, scaricare e stampare attraverso diversi canali digitali: sul sito dedicato; attraverso il sito del fascicolo sanitario elettronico regionale; sull’app Immuni; con l’app IO. Per tutti coloro i quali abbiano difficoltà, o indisponibilità, nell’uso di questi strumenti digitali, saranno coinvolti medici di medicina generale, pediatri di libera scelta e farmacisti che hanno accesso al sistema tessera sanitaria. Per maggiori informazioni si può visitare il sito appositamente creato dal governo o contattate il numero verde dell’App Immuni al 800.91.24.91 attivo tutti i giorni dalle 8 alle 20.

La certificazione verde Covid-19 servirà, quindi, sia a rendere più semplice viaggiare da e per tutti i Paesi dell’Unione europea e dell’area Shengen ma anche, in Italia, per svolgere liberamente alcune attività tra cui: accedere ai ristoranti al chiuso; entrare al cinema, al teatro o nei musei; svolgere attività fisica in palestra; partecipare a delle sagre, accedere in stadi, congressi e grandi eventi; consumare ai bar al chiuso al tavolo salvo usufruire del servizio al bancone; spostarsi in entrata e in uscita dai territori classificati come zona rossa o zona arancione. Regioni e province autonome posso prevedere altri utilizzi dei Green pass all’interno dei territori di loro competenza.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x