Venerdì, 20 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Banca Ifis rinnova l’intera flotta aziendale con vetture del Gruppo Stellantis

John Elkann, Presidente di Stellantis: "Sosteniamo l’ambiente e favoriamo un’economia decarbonizzata impegnando la nostra organizzazione a perseguire l’azzeramento del carbonio nei nostri prodotti e nel nostro impatto ambientale". Ernesto Fürstenberg Fassio, Vice Presidente Banca Ifis: "Accelerare il percorso di transizione sostenibile del nostro parco auto, dando valore a grandi brand del made in Italy ad altissima efficienza energetica e alle competenze del saper fare italiano"

03 Febbraio 2022

Banca Ifis rinnova l’intera flotta aziendale con vetture del Gruppo Stellantis

John Elkann, Presidente di Stellantis e Ernesto Fürstenberg Fassio, Vice Presidente Banca Ifis

Ieri a Torino presso il Centro Stile, John Elkann, Presidente di Stellantis N.V., ha consegnato a Ernesto Fürstenberg Fassio, Vice Presidente di Banca Ifis, la prima vettura che inaugura il rapporto di fornitura tra due realtà impegnate nel percorso verso una mobilità sostenibile.

Si tratta di un esemplare della nuova Jeep® Compass 4xe: il SUV Jeep, prodotto nello stabilimento di Mirafiori, che adotta la tecnologia ibrida plug-in.

Banca Ifis rinnova la flotta con Stellantis e accelera la transizione verso la mobilità sostenibile

Banca Ifis rinnoverà l’intera flotta aziendale con vetture del Gruppo Stellantis N.V., con l’obiettivo di adottare oltre il 50% di veicoli ecologici - totalmente elettrificati, ibridi plug-in o mild hybrid - entro quattro anni. A disposizione della Banca un portafoglio di oltre trenta diversi modelli con forte valorizzazione dei marchi Made in Italy (FIAT, Alfa Romeo, Lancia, Maserati) oltre a Jeep, Opel, Citroen e Peugeot. La proposta sarà supportata dai servizi di Leasys, azienda del gruppo Stellantis N.V., che offrirà un’ampia selezione di veicoli elettrificati per supportare la Banca nel suo percorso verso la mobilità green.

«Banca Ifis è fortemente impegnata a contribuire, sia con la sua strategia aziendale sia attraverso specifici progetti, allo sviluppo di un futuro più sostenibile a livello sociale, economico e ambientale. Grazie a questa partnership, che rappresenta oggi la miglior soluzione alle nostre esigenze, possiamo accelerare il percorso di transizione sostenibile del nostro parco auto, dando valore a grandi brand del made in Italy ad altissima efficienza energetica e alle competenze del saper fare italiano» spiega Ernesto Fürstenberg Fassio, Vice Presidente Banca Ifis.

«Il nostro impegno è di offrire veicoli iconici con caratteristiche di prestazioni, funzionalità, stile, comfort e autonomia elettrica capaci di integrarsi perfettamente alle esigenze di Banca Ifis. Come Stellantis sosteniamo l’ambiente e favoriamo un’economia decarbonizzata impegnando la nostra organizzazione a perseguire l’azzeramento del carbonio nei nostri prodotti e nel nostro impatto ambientale», commenta John Elkann, Presidente di Stellantis.

Per accelerare la transizione sostenibile della propria flotta, Banca Ifis - leader nel leasing di veicoli elettrici con una quota di mercato in Italia pari al 34,36% (fonte Mtct Unrae) - ha avviato un progetto per l’installazione di nuove colonnine per la ricarica elettrica presso le principali sedi del Gruppo a integrazione di quelle già esistenti. Trasformiamo le parole in azioni. La sostenibilità per Banca Ifis L’accordo con il Gruppo Stellantis N.V. si aggiunge alle numerose iniziative sviluppate dalla Banca nell’ambito della sostenibilità ambientale.

Banca Ifis è la prima challenger bank italiana che ha aderito alla Net-Zero Banking Alliance (NZBA), l’iniziativa promossa dalle Nazioni Unite che ha l’obiettivo di accelerare la transizione sostenibile del settore bancario internazionale. Banca Ifis si è impegnata ad allineare il proprio portafoglio di prestiti e investimenti al raggiungimento dell’obiettivo di zero emissioni nette entro il 2050, in linea con i target fissati dall’Accordo di Parigi sul clima. 1 Nel corso del 2021, la Banca ha introdotto prodotti e programmi di finanziamento “green” e ha siglato un accordo con la Banca Europea degli Investimenti (BEI) per un plafond di 100 milioni di euro in finanziamenti per sostenere i progetti green delle PMI. Dal 2019 la Banca ha scelto di investire nell’energia elettrica pulita per ridurre le emissioni di anidride carbonica e l’impatto ambientale e oggi impiega in tutte le sedi e filiali d’Italia solo energia proveniente al 100% da fonti rinnovabili.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x