Venerdì, 20 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Google ha scelto: "Via indirizzi privati e numeri di telefono personali nelle ricerche"

I colossi del web sono in fibrillazione e dopo la scelta di Elon Musk di acquistare Twitter, Google risponde: annunciata la possibilità di richiedere che i dati sensibili vengano oscurati dai link di ricerca

29 Aprile 2022

google

Google ha deciso: niente più indirizzi privati e numeri di telefono personali nei risultati del motore di ricerca se il legittimo proprietario è contrario. Una grande novità annunciata dal gigante americano che ha scelto di estendere la possibilità di richiedere che i dati sensibili vengano oscurati dai link di ricerca. La rimozione riguarda solamente i link presentati da Google e non i siti stessi. In precedenza era possibile rimuovere le informazioni solo se queste potevano rappresentare un rischio di furto d'identità o di denaro. Da questo si riconosce il netto cambio di passo di Google che mostra come le principali aziende mondiali siano lanciate verso un continuo cambiamento a poche ore dall'acquisizione completa di Twitter da parte di Elon Musk.

 

Google cambia: via indirizzi privati e numeri di telefono personali


"Internet è in continua evoluzione". Ha giustificato così Google la scelta. Se il motore di ricerca che si utilizza fornisce dati sensibili come numero di telefono e indirizzo di casa, ciò potrebbe risultare fastidioso. Se si allarga il concetto di protezione anche a contesti fisici, oltre a quelli digitali, sono numerosi i dati che Google ha deciso d'inserire nella lista dei contenuti passibili di rimozione. Tra questi numeri identificativi governativi, come il numero di previdenza sociale statunitense e il codice fiscale, numeri di conto bancario e carte di credito.

Ma anche immagini di documenti d'identità e firme autografe, cartelle cliniche, indirizzi fisici, numeri di telefono ed email, credenziali di accesso riservate, immagini personali intime non consensuali, video deepfake pornografici o immagini modificate al computer.

Ecco come richiedere la rimozione delle informazioni a Google


Se si vuole chiedere al team di sicurezza la rimozione delle informazioni, ci si dovrà riferire a Google mostrando una lista d'indirizzi web che puntano ai dati personali e le pagine di ricerca che portano a tali link sulla pagina di supporto. Gli utenti possono inviare fino a mille URL nel modulo. Il gigante ha precisato: "Alle richieste di rimozione, valuteremo tutti i contenuti della pagina web, per assicurarci di non limitare la disponibilità di altre informazioni utili, ad esempio negli articoli di notizie. Valuteremo anche se il contenuto appare come parte del registro pubblico sui siti del governo o di fonti ufficiali. In questi casi, non prenderemo provvedimenti".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x