Giovedì, 09 Dicembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Lotteria scontrini: ecco gli acquisti non validi

Non tutte le spese generano biglietti virtuali validi. Dal supermercato, alla farmacia fino al carburante: ecco un elenco per chiarire i dubbi.

10 Febbraio 2021

Carta di credito

Carta di credito (fonte foto Lapresse)

Attenzione: non tutte le spese generano biglietti virtuali che danno diritto a partecipare alla lotteria degli scontrini. Lo precisa l'Agenzia delle entrate, che pubblica una serie di faq sul sito ufficiale della lotteria per chiarire tutti i dubbi degli italiani. Uno di questi - si legge su laleggepertutti.it - riguarda proprio le spese non valide per la lotteria degli scontrini. Vediamo tutti i casi.

A non dare diritto ad alcun biglietto virtuale utile è il pagamento del tagliando per il parcheggio tramite carta di credito, di debito, bancomat o moneta elettronica. Stesso discorso anche per chi fa il pieno di carburante dal benzinaio, per il quale non esiste alcuna certificazione fiscale tramite memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi. Per gli stessi motivi, non si partecipa alla lotteria degli scontrini neanche con le spedizioni dei pacchi postali.

Lotteria degli scontrini, ecco gli acquisti non validi

Escluse dalla lotteria anche le attività culturali. Per cinema, musei e teatri infatti non c’è nessun obbligo di trasmissione dei corrispettivi. Idem per le spese fatte con buoni pasto o ticket restaurant, così come per quelle in farmacia: se sullo scontrino è riportato il codice fiscale dell’utente, questo non sarà valido per tentare la fortuna. Ciò vuol dire che, se si consegna al farmacista la propria tessera sanitaria, si ha sempre diritto alla detrazione fiscale, ma non alla lotteria degli scontrini. In caso contrario, lo scontrino diventa valido ai fini della partecipazione.

Sì invece all'acquisto di una qualsiasi gift card pagata con moneta elettronica. A essere però escluso dalla lotteria sarà l'importo al suo interno utilizzato per pagare.

Lotteria degli scontrini: è necessario conservarli fino all'estrazione dei premi?

Infine l'Agenzia delle entrata fa un'importante precisazione: non è necessario conservare gli scontrini fino all’estrazione dei premi. Obbligatorio però, per tutti gli utenti che desiderano partecipare, registrarsi al sito ufficiale della lotteria e rilasciare il proprio codice fiscale. Così si otterrà un codice a barre che dovrà essere presentato al commerciante nel momento dell’acquisto.

Nell'area riservata del sito gli utenti potranno constatare con quanti scontrini stanno partecipando alla lotteria e con quanti biglietti. Una volta svolta l'estrazione dei premi, i titolari dei biglietti vincitori verranno contattati via pec o cellulare. Al vincitore basterà esibire l’estratto conto della carta con cui ha effettuato l’acquisto, per dimostrare che sia stato cashless, come impone il regolamento.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x