Sabato, 20 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Zelensky furioso: "Amnesty International responsabile dei morti"

Rigira le accuse Volodymyr Zelensky al rapporto di Amnesty International che spiega come mai la scelta di spostare la guerra all'interno dei palazzi abbia favorito le perdite umane, per il Presidente "chi la pensa così è corresponsabile dei morti"

Di Maria Melania Barone

05 Agosto 2022

Ucraina, Zelensky: "All'Occidente manca coraggio". E chiede l'artiglieria pesante

fonte: Instagram @Zelensky

Esistono due letture diverse della storia, quelle che giustificano le azioni di guerra e quelle invece che le condannano. Però il mondo non è fatto solo di categorie, ma di fatti e di priorità che nascono per distinguere effettivamente nel profondo le scelte da parte dei governi. Quello di   Kiev, pur avendo saputo in anticipo che   Mosca  stava preparando l'invasione,  ha preferito fare orecchie da mercante. Gli annunci ci sono stati per diversi mesi, ma l'Ucraina ha detto che era tutto sotto controllo. Perfino quando lontano e l'intelligence ha suggerito che stavano arrivando delle sacche di sangue nel sud della   Bielorussia  al confine ucraino, elemento che avrebbe d'istinto l'inizio dell'attacco delle operazioni militari,   Zelensky  ha detto di aver controllato che era tutto sotto controllo.

Le due visioni della storia: libertà è pace, guerra o vite umane

È l'atteggiamento di chi vuole la guerra evidentemente, perché quando poi questa è scoppiata davvero,   Zelensky  non era più magicamente in disaccordo con l'intelligenza americana, anzi ci collaborava e probabilmente ci collaboro ancora come sottolineato da   Mosca  quando accusa gli   Stati Uniti  di avere un ruolo di etero direzione per la scelta e la selezione oltre che le modalità di attacco dei bersagli da colpire.
Zelensky  avrebbe potuto anche alzare le mani e dire non voler barattare le vite umane per la libertà, ma di richiedere alla diplomazia internazionale di risolvere il problema puntando dunque puntare dritto al tavolo delle trattative, riconoscere la   Crimea  come appartenente alla russia, riconoscere le regioni separatiste di   Donesk  e   Luhansk,   Kiev  avrebbe potuto ribadire la sua neutralità e la non appartenenza alla nato e all' Unione Europea. Parimenti le infiltrazioni all'interno della   Naftogaz  Ucraina avrebbero potuto lasciare spazio a elementi ucraini al 100% e non americani come il figlio di Joe Biden, Hunter Biden.
E probabilmente Putin si sarebbe fermato, o quantomeno non avrebbe avuto nessun motivo per continuare.

Zelensky: l'Ucraina come il Vietnam

E invece non è andata così:   Zelensky  ha preso il rapporto degli Stati Uniti d'America e ha proposto a tutte le persone di lottare con delle bottiglie di molotov, ordinando al suo stesso popolo di farsi esercito e dando alla guerra braccia incompetenti. Ne sono morti a fiotti, a milioni che dare la colpa ai sole rossi diventa quasi una barzelletta. Perché avrebbero potuto intrecciare le braccia e chiedere al governo di reagire con relazioni internazionali anziché lottare da soli e senza una formazione militare. Ma  Zelensky è andato oltre ordinando al suo stesso popolo di lottare all'interno dei palazzi, l'idea era sicuramente quella di trasformare l'Ucraina in una sorta di   Vietnam  dove al posto delle boscaglie c'era il cemento, ma gli è uscita male perché non ha considerato i rischi: tutti i palazzi e i fabbricati, gli edifici residenziali, anche quelli ospedalieri ucraini Sono diventati bersagli per l'artiglieria russa. E questi sono gli effetti collaterali normalissimi in una guerra che un uomo come   Zelensky, chiamato a guidare un paese come l'Ucraina avrebbe dovuto prevedere.

Zelensky: Amnesty International corresponsabile per la perdita di vite umane

La replica di   Zelensky  ha dunque replicato condannando il rapporto di   Amnesty International:
"Oggi abbiamo visto un rapporto che purtroppo cerca di amministrare lo Stato terrorista e di spostare la responsabilità dall'aggressore alla vittima. Non c'è nessuna condizione, nemmeno ipotetica, per cui qualsiasi attacco Russo all'ucraina diventi giustificato. Se pubblicate tali rapporti manipolativi, allora dovete condividere con loro la responsabilità della morte delle persone". Adesso è diventato Amnesty International il colpevole.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x