Mercoledì, 25 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Ucraina, Kiev: "Colpita altra nave russa", Mosca si ritira da Kharkiv

Secondo quanto riferito dagli ucraini sarebbe stata colpita una nave con compiti logistici vicino all'Isola dei Serpenti, l'esercito russo lascia la seconda città ucraina

13 Maggio 2022

Kharkiv

Kiev annuncia che "un'altra nave russa è stata colpita" nelle stesse ore in cui Mosca si ritira da Kharkiv. Sono questi i principali aggiornamenti dal fronte nella mattina di venerdì 13 maggio. Ancora importanti sviluppi sul Mar Nero, dove gli ucraini hanno annunciato di aver colpito e affondato una nave di supporto di nome Vsevolod Bobrov. L'attacco sarebbe andato a buon fine ieri notte, mentre la nave si trovava vicino all'Isola dei Serpenti. Sul suo affondamento, tuttavia, non si hanno notizie certe e bisognerà attendere conferme nelle prossime ore. Se la notizia venisse confermata, sarebbe l'ennesima conferma di difficoltà russe anche via mare, dopo quelle incontrate sul terreno, dove arrivano conferme dell'abbandono da parte di Mosca di un importante fronte, quello di Kharkiv. 

Ucraina, Kiev: "Colpita altra nave russa"

La notizia del danneggiamento della nave russa Vsevolod Bobrov è stata diffusa ieri sera dal portavoce dell’amministrazione militare regionale di Odessa, Serhiy Bratchuk. Non sono ben chiare le sorti dell'imbarcazione, che ha compiti essenzialmente logistici più che militari. Per alcuni sarebbe affondata, per altri sarebbe stata seriamente danneggiata e ora sarebbe in fiamme. L'imbarcazione navigava vicino all'Isola dei Serpenti quando è stata colpita e secondo la versione di Bratchuk è stata rimorchiata nel porto di Sebastopoli, in Crimea. 

La notizia non ha la portata, anche simbolica, dell'affondamento dell'incrociatore Moskva, la nava da guerra ammiraglia della flotta russa, ma è senza dubbio significativa per alcuni aspetti. Oltre a confermare una volta di più la vulnerabilità russa sul mare, la nave appartiene al progetto 23550 ed è quindi una delle più recenti della flotta di Putin. Varata nel 2016, è entrata in servizio proprio quest'anno. Secondo le prime notizie buona parte dell'equipaggio sarebbe già stato soccorso.

Mosca si ritira da Kharkiv

Sul fronte di terra non mancano sviluppi importanti. Stando a quanto riferito dal New York Times, i russi si sarebbero ormai ritirati da Kharkiv, la seconda città più grande dell'Ucraina, nella parte orientale del Paese, a pochi chilometri dal confine russo. La città è stata massicciamente bombardata sin dall'inizio della guerra e fu uno dei primi obiettivi dell'armata russa. Per settimane le truppe di Mosca hanno occupato i quartieri più periferici.

La resistenza dei soldati e dei civili della città, però, ne ha impedito la presa, pagando però un prezzo altissimo in termini di vite umane. Secondo gli osservatori, i russi avrebbero deciso di concentrare le truppe più a est, in particolare a Izium, città al confine col Donbass che è sotto il controllo dei russi da settimane. Una mossa fatta per consolidare la presenza nella parte orientale del Paese, immediatamente oltre il Donbass, dove si continua a combattere. 

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x