Giovedì, 27 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Attentato a Kabul, Biden: "Non dimenticheremo e non perdoneremo. L'Isis la pagherà"

"Vi daremo la caccia e ve la faremo pagare. Difenderò i nostri interessi e la nostra gente con ogni mezzo a mia disposizione", scandisce Biden

27 Agosto 2021

Afghanistan

Joe Biden (fonte Instagram @potus)

L'attentato a Kabul porta la firma "dell'Isis, la pagheranno", ha detto Joe Biden, presidente degli Stati Uniti, dopo l'attacco all'aeroporto in Afghanistan. L'azione rivendicata dall'Isis ha provocato decine di morti, compresi 12 militari americani. "Questi soldati americani che hanno dato la vita, in una missione per salvare vite di altri, sono eroi. Sono la spina dorsale dell’America, sono il meglio che il paese può offrire", dice Biden.

Attentato a Kabul, Biden: "L'Isis la pagherà"

"A coloro che hanno compiuto questo attacco: non perdoneremo, non dimenticheremo. Vi daremo la caccia e ve la faremo pagare. Difenderò i nostri interessi e la nostra gente con ogni mezzo a mia disposizione", continua Biden. "Abbiamo motivo di credere che sappiamo dove si trovino i leader che hanno ordinato" l'attacco, dice riferendosi ai membri dell'Isis-k, lo Stato islamico della provincia di Khorasan. Biden ha ordinato ai vertici militari di "sviluppare piani operativi per colpire obiettivi dell'Isis-K, la leadership e le strutture. Risponderemo con forza e precisione, quando decideremo, in un luogo che individueremo e in una maniera che definiremo".

E ancora: "Possiamo e dobbiamo completare questa missione, lo faremo. L'ho ordinato. Continueremo l'evacuazione, l'America non si farà intimidire dai terroristi", dice Biden commosso, che ricorda anche il figlio Beau - militare in Iraq poi morto a 46 anni per un cancro al cervello - prima di interrompere il suo intervento per un momento di silenzio. "I terroristi dell'Isis non vinceranno, porteremo in salvo gli americani che sono lì. Porteremo fuori i nostri alleati afghani, la nostra missione andrà avanti", prosegue il presidente. "Ogni giorno ai nostri comandanti chiedo cosa gli serva per completare l'opera. Oggi ho ripetuto tre volte che devono adottare tutti i passi necessari per proteggere i nostri uomini sul campo", aggiunge, ribadendo che saranno inviati altri uomini se dovesse essere necessario per portare a termine la missione di evacuazione.

"Nessuno si fida" dei talebani, "ma contiamo sul fatto che è nel loro interesse che noi possiamo lasciare il paese" nei termini stabiliti. "Al momento non c'è nessun elemento" che lasci pensare ad una "collusione tra i talebani e l'Isis in relazione a ciò che è accaduto oggi e a ciò che ci si aspetta possa ancora accadere".

Afghanistan, "il terrorismo si è diffuso come una metastasi nel mondo"

"Non ho mai ritenuto che avremmo dovuto sacrificare vite americane per provare a creare un governo democratico in Afghanistan, una paese che non è mai stato unito nella sua intera storia", continua Biden, che non cambia idea sul ritiro delle truppe Usa dal Paese. "Il nostro interesse mirava ad evitare che al Qaeda riemergesse, puntavamo a Bin Laden e ad eliminare al Qaeda in Afghanistan. Come ho detto 100 volte, il terrorismo si è diffuso come una metastasi nel mondo. Abbiamo minacce più grandi provenienti da altri paesi, molto più vicini agli Stati Uniti". "Il nostro interesse nell'andare in Afghanistan era prendere Osama bin Laden, spazzare via al-Qaeda e impedire che potesse accadere" un nuovo 11 settembre, ha rimarcato.

"Ancora circa cinquemila americani" si trovano nel Paese, ha replicato Biden dopo le domande dei cronisti. "Non posso dire con nessuna certezza che ci fosse una lista di nomi". "Signori e signore è il momento di finire questa guerra di 20 anni", ha concluso.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x