Martedì, 25 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Cuomo, dimissioni dopo lo scandalo sessuale. "Io affettuoso, non pervertito"

Il governatore dello Stato di New York ha annunciato in diretta le sue dimissioni dalla carica dopo le accuse di molestie che lo hanno travolto. Ma durante la conferenza stampa è nuovamente passato al contrattacco

10 Agosto 2021

Usa, Cuomo accusato di molestie sessuali da una seconda donna

Alla fine ha mollato. Andrew Cuomo ha lasciato il suo posto di governatore dello Stato di New York, cedendo alle pressioni ormai insostenibili scaturite dalle accuse di molestie sessuali che lo hanno travolto nei giorni scorsi. "Date le circostanze, il modo migliore per essere d’aiuto è se faccio un passo di lato e lascio che il governo torni a lavorare", ha annunciato Cuomo, in carica da oltre dieci anni.

Cuomo e le 165 pagine di accuse di molestie sessuali

L'annuncio delle dimissioni è arrivato durante un intervento video in cui il governatore (ormai ex governatore) è apparso visibilmente emozionato. Tutto è partito una settimana fa, con la pubblicazione delle 165 pagine di un dossier della procura generale, in cui erano elencati tutti gli episodi di molestie sessuali di cui Cuomo è accusato e che avrebbe commesso ai danni di undici donne, molte delle quali avevano lavorato con lui.

Cuomo: "Non sono pervertito, ma italiano"

Cuomo, le cui dimissioni diverranno effettive tra 14 giorni si è detto "profondamente dispiaciuto" e si è scusato con le 11 donne, ma allo stesso tempo ha continuato a professare la sua innocenza. "E’ vero ho dato abbracci, baci, carezze, sono scivolato, ma non ho mai pensato di aver superato la linea. Pago un salto generazionale, il mio humor non è stato compreso". Cuomo si è sempre difeso sbandierando le sue origini italiane. "Non sono un pervertito, ma un italiano", ha dichiarato in passato. La magistratura non la pensa così e lo accusa di aver toccato le sue collaboratrici, una delle quali ha raccontato di una mano che si era infilata sotto la camicetta per tastarle un seno.

Cuomo attacca la procuratrice generale

L'ormai ex governatore ha attaccato la procuratrice generale Letitia James e messo in guardia i newyorkesi dai pericoli di un "sistema giudiziario prevenuto e privo di correttezza". Ma il rappresentante dei democratici aveva già da tempo perso la fiducia del suo partito. Nei giorni scorsi  il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ne aveva chiesto le dimissioni, così come la Speaker della Camera, Nancy Pelosi, il sindaco di New York Bill de Blasio e il leader dei democratici al Senato Chuck Schumer.

L'epilogo politico di Cuomo

Si tratta di un triste epilogo per Cuomo, che quattro anni fa si era presentato come campione del movimento #MeToo, contro le molestie sessuali alle donne, e ora verrà sostituito da una rappresentante femminile. Durante la pandemia era diventato una star dei social per i suoi punti quotidiani e il suo invito alla speranza. Ma le accuse di molestie segnano con ogni probabilità la fine della sua vita politica.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x