Sabato, 24 Luglio 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Covid Gb, Johnson sotto attacco. L'appello dei medici: "Fermi la riapertura"

Secondo gli esperti quello di Boris Johnson in Gran Bretagna sulle riaperture Covid è un "esperimento pericoloso, illogico e anti etico": la lettera

08 Luglio 2021

Covid Gb, Johnson sotto attacco. L'appello dei medici: "Fermi la riapertura"

Boris Johnson (fonte LaPresse)

Boris Johnson sotto attacco: sono 122 gli esperti, tra medici e scienziati che, in una lettera pubblicata su 'Lancet', chiedono al primo ministro inglese di bloccare la riapertura. Secondo loro non è ancora arrivato il momento di riaprire, soprattutto alla luce della diffusione della variante Delta del Covid. Togliere obbligo di mascherina e distanziamento sociale potrebbe "fornire terreno fertile all'emergere di nuove varianti resistenti ai vaccini''.

Covid Gb, Johnson sotto attacco. L'appello dei medici: "Fermi la riapertura"

Secondo i medici quello di Boris Johnson in Gb è un "esperimento pericoloso, illogico e anti etico''. Lo stesso premier quando aveva annunciato le riaperture previste per il prossimo 19 luglio, aveva ammesso un possibile aumento dei contagi, ma anche dei morti Covid. Anche il Ministro della Salute britannico Sajid Javid aveva parlato del rischio di 100mila nuovi casi di Covid-19 al giorno questa estate. Gli esperti hanno così lanciato l'appello al premier inglese: l'infezione da Coronavirus, se non controllata nel modo opportuno, potrebbe espandersi e colpire ''in modo sproporzionato'' i più giovani, ai quali non è stato ancora offerto il vaccino.

"Alla luce di questi gravi rischi - si legge sulla lettera dei medici -, e dato che la vaccinazione offre la prospettiva di raggiungere rapidamente lo stesso obiettivo dell'immunità della popolazione senza incorrere in rischi, consideriamo non etica e illogica qualsiasi strategia che tolleri un alto livello di contagi". Tra i firmatari della lettera spuntano anche i nomi dell'ex consigliere capo scientifico del governo Sir David King e del dottor Chaand Nagpaul, presidente della British Medical Association.

Covid Gb, terza ondata: rinviati interventi chirurgici

Intanto in Gran Bretagna molti ospedali, alla luce di quella che molti definiscono terza ondata, hanno deciso di rimandare gli interventi chirurgici non urgenti. A parlare del drastico aumento dei casi è il giornale Guardian, che riporta il timore del personale sanitario: in tanti hanno paura di un nuovo sovraffollamento delle strutture ospedaliere. Il direttore sanitario del Leeds Teaching Hospitals Phil Wood però ha rassicurato tutti dicendo che "in base all'esperienza delle precedenti ondate di pandemia stiamo mettendo in atto piani per aiutarci a trattare un numero maggiore di ricoveri Covid pur continuando a fornire assistenza a quei pazienti in attesa di operazioni programmate".

Wood ha aggiunto che ''anche se la cura di ogni paziente è importante per noi, abbiamo dovuto posticipare alcune operazioni elettive pianificate per garantire che i pazienti che necessitano di cure urgenti abbiano la priorità". Anche perché ''stiamo assistendo a un aumento dei pazienti ricoverati nei nostri ospedali con Covid-19''.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x