Giovedì, 26 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Generali, Galateri rinuncia alla Presidenza: "É stata una bellissima storia! Durata quasi diciotto anni" ha dichiarato al Giornale d'Italia. La comunicazione al CDA: “Alla fine del mandato uscirò in piena sintonia e unità d’intenti”

Il presidente Gabriele Galateri non si candida per il prossimo rinnovo del Consiglio di Amministrazione del gruppo Generali. "É stata una bellissima storia", racconta a Il Giornale d'Italia

16 Febbraio 2022

Generali, al via ammissione al regime di Adempimento Collaborativo 

@LuissBusiness

Il Consiglio di Amministrazione di Assicurazioni Generali ha preso atto della decisione del Presidente Gabriele Galateri di Genola di non candidarsi per il prossimo rinnovo del Consiglio di Amministrazione. Il Consiglio ha espresso apprezzamento per la sua decisione che riflette l’intenzione del Consiglio stesso di individuare un Presidente che possieda tutti i requisiti di indipendenza indicati dal codice italiano di Corporate Governance.

Il Presidente di Assicurazione Generali racconta a Il Giornale d'Italia: "É stata una bellissima storia! Durata quasi diciotto anni tra Presidenza e Vice Presidenza".

Generali, la lettera di Galateri al CdA: “Alla fine del mandato uscirò in piena sintonia e unità d’intenti”

Testo di una comunicazione letta dal presidente Gabriele Galateri di Genola all’inizio della discussione sul punto all’ordine del giorno relativo alla short list.

"Cari colleghi,

Prima di discutere nel merito la definizione della lista del Consiglio oggi pomeriggio, consentitemi una comunicazione di carattere personale.

Ho fatto i conti e quasi con stupore verso me stesso ho realizzato che sono ben 11 anni che rivesto la carica di Presidente di Generali. Si aggiungono oltre sette anni di vicepresidenza.

Un'esperienza magnifica, centrale nella mia vita. L'onore di aver lavorato con entusiasmo e, vi assicuro, con grande impegno per una società, le nostre Generali, ricca di storia, ma proiettata nel futuro, una finestra sul mondo e sui grandi problemi della società e dell'economia contemporanea. Una Società che, nonostante le enormi difficoltà di questi anni, presenta risultati d’eccezione.

Questa lunga esperienza mi porta a condividere pienamente il desiderio di rinnovamento del Consiglio che credo sia in definitiva la base della valutazione della mancanza di indipendenza da Codice di Autodisciplina, come fatto preclusivo alla mia permanenza nella carica di Presidente. Uscirò quindi dal Consiglio in piena serenità e unità d'intenti ringraziando i colleghi che hanno speso generose parole nei miei confronti e tutti i dipendenti del Gruppo per lo straordinario e appassionato lavoro svolto in questi anni.

Voglio comunque, aldilà di requisiti formali, mantenere piena indipendenza di giudizio e così esprimere rammarico per le tensioni nel corpo sociale degli ultimi tempi che Generali certo non si merita ed augurarmi che possa essere eletto un Consiglio composto da persone di professionalità e coscienza etica tali da favorire il recupero di un clima di serenità e di collaborazione nell'interesse sociale. In questo senso, porterò avanti il mio impegno con il Consiglio svolgendo le mie funzioni fino alla scadenza del mandato con lo spirito di servizio e di disponibilità che una scadenza, in una tanto lunga militanza, non può certo far venir meno".

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x