Sabato, 17 Aprile 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Cosa fare a Pasqua? Dai dialoghi di Muti e Cacciari ai tour virtuali

I tour virtuali agli Uffizi, ai Musei Vaticani e al Museo Real Bosco di Capodimonte per finire con la Nona di Bruckner al Teatro alla Scala

01 Aprile 2021

Cosa fare a Pasqua?   Dai dialoghi di Muti e Cacciari ai tour virtuali di mostre e gallerie d'arte

Botticelli, Primavera, Museo degli Uffizi (particolare, fonte: Wikipedia)

La bellezza della musica e dell'arte nel weekend di Pasqua nonostante il Covid: tutti gli eventi da non perdere

Oggi alle 18.30 il primo evento da non perdere: si terrà online sui canali di CUBO-Museo d’impresa del Gruppo Unipol, della Società editrice il Mulino e sulla pagina Facebook del Museo e Real Bosco di Capodimonte un dialogo in streaming tra il Maestro Riccardo Muti e il Professor Massimo Cacciari dal titolo Le ultime parole di Cristo.

In un incontro tra musica e filosofia, religione e arte, a offrire la trama del dialogo sono due opere: la Crocifissione di Masaccio e la partitura di Franz Joseph Haydn ispirata alle ultime parole pronunciate da Cristo sulla croce e composta per la cerimonia del Venerdì Santo. 
Intervengono anche Sylvain Bellenger direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte e Vittorio Verdone, direttore Corporate Communications and Media Relations del Gruppo Unipol.

Una conversazione che riprende i temi affrontati da Muti e Cacciari nel volume scritto a quattro mani Le sette parole di Cristo, pubblicato dal Mulino nel 2020 e moderata da Vittorio Verdone. Il direttore Sylvain Bellenger sarà in collegamento dalla sala del Museo e Real Bosco di Capodimonte in cui è allestita l’opera del Masaccio accanto a quella di Masolino da Panicale.
Dall’analisi storico-artistica dell’opera – il fondo dorato, il Cristo in croce, la Vergine, San Giovanni e la figura imponente
della Maddalena bionda con il mantello rosso e le braccia aperte al cielo – partiranno profonde riflessioni culturali
e filosofiche per giungere all’idea centrale, espressa nel volume edito dal Mulino, che il pensiero non scaturisce soltanto
da immagini che poi si traducono in parole, ma anche dai suoni che possono divenire musica: la pittura per quanto possa essere vertiginosa, ci inchioda a una prossimità, a una vicinanza col dipinto, mentre la musica, per la sua capacità di raggiungerci senza mediazioni, ci trasporta verso lontananze impensabili.

I tour virtuali dai Musei Vaticani, alle Gallerie degli Uffizi e al Museo di Capodimonte

Ammirare i capolavori della Cappella Sistina direttamente da casa? E' possibile grazie ai tour offerti dai Musei Vaticani.  Un  un ricco catalogo digitale arricchito con informazioni essenziali relative alle opere d’arte esposte lungo il percorso di visita: Da non perdere anche la Pinacoteca Vaticana con le sue 18 sale in ordine cronologico e dipinti dal Medioevo al 1800. 

Le Gallerie degli Uffizi mettono a disposizione una mostra virtuale dedicata a Dante e al manierismo. La mostra virtuale espone lo straordinario "Dante Historiato" che Federico Zuccari (Sant'Angelo in Vado, 1540- Ancona, 1609) completò tra il
1586 e il 1588 in Spagna. Le finissime incisioni sono un perfetto omaggio per celebrare Dante e per conoscere la sua grande opera. 

Con oltre 536 opere d’arte il Museo e Real Bosco di Capodimonte è  invece online sulla piattaforma Google Arts & Culture.
Capolavori come La Flagellazione di Cristo di Caravaggio, la Danae di Tiziano, La parabola dei ciechi di Brueghel il Vecchio, La Madonna del divino amore di Raffaello saranno accessibili in ogni momento ai visitatori di tutto il mondo, facilmente e gratuitamente. 

Ben 203 dipinti sono stati fotografati con l’altissima tecnologia di Art Camera che permette di ingrandire anche il minimo dettaglio scoprendo particolari invisibili ad occhio nudo.  Sono visibili la crettatura delle tele, le pennellate e si intravedono perfino disegni preparatori poi modificati nella stesura finale dei colori.

Teatro alla Scala: domenica 4 aprile alle ore 20 la Sinfonia n° 3 di Schubert e la n° 9 di Bruckner
in streaming sul sito e sui canali social 

Il Maestro Zubin Mehta è tornato alla Scala per le prove del concerto che sarà disponibile in streaming sul sito web e sulle pagine Facebook e YouTube del Teatro per una settimana a partire dalle 20 di domenica 4 aprile. Nello scorso febbraio il Maestro Mehta aveva diretto un concerto sinfonico, ma aveva dovuto interrompere le prove di Salome di Richard Strauss a causa di un’indisposizione ed era stato sostituito dal Direttore Musicale Riccardo Chailly. E proprio il Maestro Chailly insieme al Sovrintendente Meyer si è unito ieri all’applauso affettuoso dall’Orchestra per il ritorno di Mehta al Piermarini. Il programma del concerto di domenica prevede la Sinfonia n° 3 di Franz Schubert e la Sinfonia n° 9 di Anton Bruckner, una pagina di intensa spiritualità che ben si addice al periodo pasquale. 

Il Maestro Mehta ricorda, nell’intervista a Liana Püschel che sarà pubblicata nel numero di marzo del Magazine del Teatro: “Ho studiato la Nona di Bruckner con il grande Bruno Walter, quando ero molto giovane e mi trovavo per la prima volta a Los Angeles. Come giovane direttore, Bruno Walter mi accolse a casa sua: io avevo tantissime domande e lui era molto, molto gentile. All’epoca stava incidendo il disco della Nona sinfonia con la Los Angeles Philharmonic e io ero lì. Sono cresciuto con quel disco. La Nona di Bruckner è stata anche la prima sinfonia che ho inciso con i Wiener Philharmoniker, nel 1965. Da allora l’ho eseguita parecchie volte con loro, e poi a New York, a Los Angeles… Sono molto legato a questa sinfonia che per me rappresenta l’addio di Bruckner al mondo: la fine del terzo movimento è veramente l’addio”.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

iGdI TV

Articoli Recenti

Più visti