Giovedì, 26 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Enna, operai precipitano da viadotto A19: un morto e un ferito

Intorno alle 13 di oggi due operai sembrano essere "caduti nel vuoto": uno ha perso la vita, l'altro è in condizioni gravissime in ospedale. Le cause sono ancora da accertare

13 Maggio 2022

Enna, operai precipitano da viadotto A19: un morto e un ferito

Operaio (Pixabay)

A Enna, in Sicilia, due operai sono precipitati dal viadotto Mulini, all'altezza del km 115 dell'autostrada A19 che collega Palermo e Catania, precisamente allo svincolo con la provincia di Caltanissetta. Stavano svolgendo il proprio lavoro quando, per causa ancora da accertare, sembrano essere "caduti all'improvviso nel vuoto". Uno dei due è morto, l'altro è gravemente ferito. Quest'ultimo, purtroppo, sembra però essere in pericolo di vita.

Enna, incidente sul lavoro: un operaio morto

Quello di oggi, venerdì 13 maggio 2022, è l'ennesimo incidente sul luogo di lavoro. Non è la prima volta che circolano notizie di questo tipo. Anzi, al contrario, se ne sente parlare ogni giorno. Due operai sono caduti mentre stavano lavorando lungo il viadotto Mulini, sull'autostrada A19 Palermo-Catania tra lo svincolo di Caltanissetta e quello di Enna.  Attorno alle 13 i due uomini sembrano essere precipitati. Le cause sono ancora da accertare. Pare che si trovassero entrambi su un ponteggio.

I due operai stavano lavorando a un cantiere nell'Ennese per il rifacimento del viadotto Mulini. Per uno dei due la caduta è stata fatale. Stando alle prime ricostruzioni, sarebbe morto sul colpo. I soccorritori del 118, arrivati dopo dopo, non avrebbero potuto far altro che constatarne il decesso. Il secondo invece, non è deceduto, ma sarebbe in questo momento in fin di vita. Questi è stato trasportato d'urgenza in codice rosso presso l'Ospedale più vicino, quello di Enna. Le sue condizioni sarebbero gravissime. Lo rivelano fonti mediche e persone vicine all'uomo.

Con ogni probabilità sarà lui, quando e se starà meglio, a far luce sull'accaduto. A spingerli giù potrebbe essere stato un colpo di vento. Questa è l'ipotesi, al momento, più accreditata. Sembra infine che nessuno dei due avesse avuto in donazione i dispositivi di protezione adatti. Saranno le indagini a fare maggiore chiarezza.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x