Mercoledì, 18 Maggio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Caso Varriale: "Picchiò l'amante", nuove accuse di violenza per l'ex giornalista Rai

Comincia il processo per il caso Varriale: il giornalista Rai accusato di aver perseguitato l'ex compagna. Nel frattempo si aggiungono nuove accuse: violenza contro un'amante

18 Gennaio 2022

Chi è Enrico Varriale: lite ex moglie, figlia, compagna e vita privata

Fonte: twitter profilo Enrico Varriale

Comincia il processo nei confronti dell'ex giornalista sportivo Rai Enrico Varriale mentre arrivano nuove accuse segnalate dalla polizia: stalking e violenza privata nei confronti di un'amante. La donna in questione era stata al centro delle frequentazioni di Varriale dopo la rottura con la compagna a causa di cui ora dovrà presentarsi in tribunale e difendersi dalle accuse. Durante tale processo dovrà confutare le ricostruzioni che lo vogliono artefice di diverse minacce e persecuzioni.

Il caso Varriale

Il decreto che disponeva il giudizio immediato nei confronti di Varriale era arrivato il 6 agosto 2021. Nelle carte che lo giustifano si legge che: "Durante un alterco per motivi di gelosia, la sbatteva violentemente al muro scuotendole e percuotendole le braccia, sferrandole violentemente dei calci". Ma non sarebbe finita qua perché a questo episodio Varriale ne ha fatti seguire altri, sempre contro l'ex compagna, di conseguente stalking e minacce. Addirittura di usare le sue conoscenze per danneggiare la carriera giornalistica della donna.

Le nuove accuse di violenza

Per un processo in corso Varriale ne dovrà, quasi sicuramente, affrontare un altro dalle tinte abbastanza simili. Una seconda donna ha infatti accusato il giornalista di violenze. Dopo averlo sorpreso a letto con una sconosciuta fra i due sarebbe infatti scoppiata una lite. Ad avere la peggio sarebbe stata proprio la donna che, ricevuto uno schiaffo, sarebbe caduta a terra battendo la testa e perdendo i sensi. Al suo risveglio la porta di casa era chiusa a chiave e non c'era modo di uscire dalla casa. Ha chiamato così i carabinieri ed è corsa a denunciare l'accaduto in caserma. Il trauma cranico sarebbe stato poi confermato anche da un referto rilasciato dall'Ospedale Gemelli. La polizia ha sentito la donna già tre volte. Si attende ora la mossa della Procura che sarebbe in procinto di far partire l'iter processuale.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x