Domenica, 16 Gennaio 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Scuola, in Trentino Alto Adige suona la prima campanella: 90mila studenti in classe

Il ministro Bianchi: "La scuola è ritrovarsi, è un nuovo incontro. Questo sia un nuovo inizio per i ragazzi, i docenti, il personale e tutte le famiglie"

06 Settembre 2021

Scuola, in Trentino Alto Adige suona la prima campanella: 90mila studenti in classe

Suona oggi, lunedì 6 settembre 2021, la prima campanella per 90mila studenti in Trentino Alto Adige e il nuovo anno scolastico prende il via, seppur tra polemiche e incertezze. É la terza volta nell'era Covid che bambini e ragazzi si risiedono finalmente sui banchi, dicendo addio alla Dad. Mascherine obbligatorie, distanziamento sociale e Green pass per docenti e personale Ata: così la scuola ritorna, dopo tanto tempo, in presenza.

Scuola, Trentino Alto Adige fa da apripista in tutta Italia

Il Trentino Alto Adige fa da apripista in tutta Italia per il nuovo anno scolastico, che sarà all'insegna della mascherina per tutti e del Green pass obbligatorio per il personale scolastico. A lanciare un augurio è il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi che, durante il suo intervento di questa mattina ai microfoni di Radio 1, ha detto: "La scuola è ritrovarsi, è un nuovo incontro. Questo sia un nuovo inizio per i ragazzi, i docenti, il personale e tutte le famiglie". E ancora: ""Abbiamo lavorato per garantire un avvio tranquillo, con misure di sicurezza e il personale in ordine", ha scritto invece in un post pubblicato sul suo profilo Twitter.

Oggi è il turno degli studenti altotesini ma dalla prossima settimana anche altre Regioni rivedranno migliaia di bambini e ragazzi nuovamente sui banchi, con una didattica al 100% in presenza (almeno per il momento). Nel frattempo continuano però a far discutere non poco le ultime parole di Mario Draghi pronunciate in conferenza stampa sull'estensione del Green pass e il possibile obbligo vaccinale. Sono infatti ancora "troppi" secondo il premier e il ministro della salute Roberto Speranza gli insegnanti non vaccinati. 

Vaccino e Green pass, Salvini: "Lega contro ogni obbligo"

A farsi portavoce di quei docenti e quegli italiani che però decidono spontaneamente di non sottoporsi alla vaccinazione anti-Covid e dire così di no anche alla certificazione digitale verde è Matteo Salvini. Il leader della Lega osserva: "Visto che ormai il 70% della popolazione adulta italiana è vaccinata, e lo ha fatto liberamente, la Lega era, è e sempre rimarrà per la volontarietà vaccinale. Siamo contro ogni tipo di obbligo".

"L'obbligo vaccinale tout court - ricorda - esiste solo in tre Paesi: Tagikistan, Turkmenistan e Indonesia, e con tutto il rispetto per tutti i popoli del mondo non penso che siano modelli democratici da seguire". E ancora: "Se tu Stato, non dico mi imponi ma fai di tutto per portarmi a vaccinare, io dico: bene, ma se ci sono dei danni conseguenti, mi risarcisci tu che mi stai portando a fare questa scelta. Paga la spiegazione, non paga l'obbligo, la costrizione, la multa o il divieto", conclude infine Matteo Salvini, che propone una valida alternativa a vaccino e Green pass obbligatorio: tamponi rapidi gratuiti per chi ne ha bisogno.

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti

x