Martedì, 28 Settembre 2021

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Il Verde e il Blu Festival, Re Rebaudengo: “Il cambiamento climatico è la prossima pandemia e ha già generato 70 miliardi di danni nel nostro Paese”

Il Presidente Elettricità Futura spiega a Il Giornale d'Italia le vere sfide delle energie rinnovabili

10 Settembre 2021

“La sfida che abbiamo da qui al 2030 è chiarissima, gli obiettivi anche sono definiti e approvati dal parlamento europeo e dal nostro Paese – dichiara a Il Giornale d’Italia Agostino Re Rebaudengo Presidente Elettricità Futura - quello che dobbiamo fare è raggiungerli, questa è la vera sfida, lavorare ancora sulla semplificazione, sulla sburocratizzazione e anche sull’informazione. Bisogna che tutti abbiano chiaro che un impianto di energia da fonte rinnovabile è un’opportunità di lavoro, di non inquinamento, di non emissione di Co2 che è la causa principale se vogliamo del cambiamento climatico, che è la prossima pandemia e che già nell’ultimo anno ha generato 70 miliardi di danni nel nostro Paese”.

“Per me è possibile raggiunge le emissioni zero nel 2050, ovviamente in parte potrà essere fatto con tecnologie che si stanno affacciando per poter togliere dall’atmosfera la Co2 e trasformarla in materie seconde che aggregate con altre daranno un contributo alla richiesta dei nostri Paesi e dall’altra parte con un profilo molto meno emissivo dei trasporti, del riscaldamento e con una generazione 100% rinnovabile dell’energia elettrica. Nel PNRR è destinato circa un terzo quindi 70 miliardi destinati alla transizione ecologica, tra cui quella elettrica ed energetica, è un elemento aggiuntivo, è importante che ci sia ma in realtà il settore elettrico oggi è in grado di lavorare in questa direzione alla condizione che vengano rimossi i tantissimi limiti e problemi burocratici che ora lo bloccano”.

“Nel mio blog rerebaudengo.it pubblico varie informazioni sui cambiamenti climatici ed energia e ho pensato anche di inserire anche un ritardometro, cioè tutti quei provvedimenti legislativi che dovrebbero già aver trovato la luce ma non l’hanno ancora fatto, li elenco in questa sezione che vuole essere più che una protesta, un contributo a chi dovrebbe provvedere in modo facile, si va lì e vede quali problemi ci sono da risolvere.”

Torna all'articolo

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Articoli Recenti

Più visti