Sabato, 13 Agosto 2022

Seguici su

"La libertà al singolare esiste solo nelle libertà al plurale"
Benedetto Croce

Professione tour manager. L'intervista ad Andrea Rombolà: "Reperibili h24 e tanto divertimento"

02 Luglio 2022

Andrea Rombolà e Maluma

Andrea Rombolà e il cantante Maluma

La musica sta ripartendo più forte che mai. Concerti, festival, stadi e live collettivi con più artisti, come il recente LOVE MI organizzato da Fedez o Battiti Live, da sempre appuntamento irrinunciabile per gli amanti della canzone italiana e non solo. Il Covid sembra essere un triste ricordo, ma come è cambiato il modo di pensare e organizzare questi eventi?

Ne abbiamo parlato con  Andrea Rombolà, tour manager che segue numerosi artisti (da Irama a Rocco Hunt) e ha collaborato con diversi nomi del panorama musicale italiano ed internazionale e dell’entertainment, nonché influencer e celebrità del mondo sportivo.

Irama, Rocco Hunt e non solo.. da tour manager di numerosi artisti ti aspetta un’estate impegnativa. Possiamo dire che il mondo della musica è ufficialmente ripartito?

Possiamo dirlo ed era ora aggiungerei! Tutto il movimento ha sofferto tanto negli ultimi due anni ma ora c’è tanta voglia di lavorare e divertirci.

Che riscontro state avendo dal pubblico?

Il pubblico sta rispondendo alla grande con entusiasmo e partecipazione. Loro sono il motore del nostro lavoro e ogni volta vorrei ringraziare tutti ad uno ad uno.

Come definiresti la figura del tour manager? Quali sono le responsabilità di cui devi tenere conto?

Difficile definire con esattezza questo ruolo. Ci sono sia delle responsabilità pre evento riguardanti tutta la logistica del tour, che durante con gli imprevisti del caso. È un lavoro che ti impone di essere reperibile h24 ma allo stesso tempo che ti riempie di soddisfazioni.

Come è cambiata negli anni la figura del tour manager? Cos’ha cambiato il covid?

La digitalizzazione ha cambiato tutto e il Covid ha sicuramente agevolato questo processo. Prima il network si ampliava esclusivamente con rapporti dal vivo e telefonate, ora l’uso dei social è imprescindibile.

Quanto conta il networking nella tua professione?

“Il network non è importante, è l’unica cosa che conta” (ride ndr)

Quali sono le caratteristiche imprescindibili per chi svolge la tua professione?

Professionalità, puntualità e credibilità.

Seguici su

Commenti Scrivi/Scopri i commenti

Condividi le tue opinioni su Il Giornale d'Italia

Caratteri rimanenti: 400

Più visti

x